Stefania Chiappalupi, scrittrice romana di origine ma basaluzzese di adozione, ha ottenuto il secondo posto al concorso letterario nazionale “Gabicce in Rosa” con la poesia “Un giorno io verrò”. Un altro riconoscimento per la brava scrittrice che già si è segnalata in passato soprattutto con il romanzo “Un’occasione unica”, suo romanzo d’esordio, che l’ha imposta alla attenzione generale.

Con un romanzo successivo “L’usignolo ed occhi di cielo”  è stata fra le vincitrici del concorso internazionale “Premio del museo” e con lo stesso romanzo è stata finalista nel concorso “Casa Sanremo writers”, svoltosi contemporaneamente al festival canoro di Sanremo e giunto quest’anno alla nona edizione.


Il concorso “Gabicce in rosa” è organizzato dall’assessorato alla Cultura del comune di Gabicce con la finalità di promuovere e diffondere il genere poetico e di fare conoscere gli autori che scelgono questo genere letterario, In questa manifestazione negli anni Settanta si sono imposti autori come Andrea Zanzotto e Giorgio Caproni. Riproposto negli ultimi tre anni dall’amministrazione comunale di Gabicce ha ottenuto di nuovo un notevolissimo successo.

La giuria nelle sue motivazioni ha annotato la chiusa  della poesia “Un giorno io verrò” di Stefania Chiappalupi che testimonia come la morte e la violenza possono essere annullate dal ricordo e dalle parole.

La serata della premiazione del concorso è stata introdotta da Maria Cristina Manzini che ha ripercorso le tappe del Premio di Poesia e Giornalismo di Gabicce Mare degli anni 70, puntando i fari su una straordinaria poetessa, Maria Luisa Spaziani che partecipò al Premio gabiccese senza vincerlo. L’accompagnamento musicale dei versi poetici è stato curato dalla musicista maestra di violino Elisa Vignando. La Giuria del Premio, presieduta dalla Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale prof.ssa Marcella Tinazzi,  composta da Maria Cristina Manzini, Patrizia Salvo e Antonia Delfino, si è complimentata per l’elevato valore qualitativo delle poesie presentate e dei poeti partecipanti. Vincitore del concorso è risultato Giuseppe Mandia di Perugia con la poesia inedita “Viaggio a San Miniato” che ha ottenuto anche il relativo premio di 500 euro. A Stefania Chiappalupi, giunta seconda con la poesia “Un giorno io verrò”, è stato consegnato un premio in danaro di duecento euro.

Maurizio Priano