Domenica 2 giugno, organizzata dall’Associazione Nazionale Mainai d’Italia con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Tortona, si è svolta la cerimonia della festa della Repubblica e della festa della Marina. I partecipanti si sono radunati in porta ticinesi e sono partiti in corteo per recarsi in piazza Roma dove è ubicato il monumento ai caduti del mare,

Un folto corteo che è stato aperto da una Willys con una bandiera della marina sul cofano del motore, jeep militare americana realizzata nel 1941 è utilizzata nella seconda guerra mondiale, a seguire un grande bandierone della marina, mt 3 x 4 , portata da 4 donne marinare e 2 soci dell’ANMI, la banda di Cassine “Francesco Solia” il gonfalone del comune le autorità militari e civili, che ha visto per la sua prima uscita il nuovo sindaco Federico Chiodi, presenti l’On. Rossana Boldi, il sen. Enrico Pianetta, Il Comandante Polizia Municipale Orazio Di Stefano, , vice comandante della stazione carabinieri di TortonaAngelo Carrozzidue marescialli della caserma della Guardia di Finanza,  il  Presidente E. ANMI Giuseppe Calore, Giovanni Ferrari Cuniolo, il consigliere comunale più votato a Tortona, le assodarmi della Polizia di Stato, degli Alpini, del genio, dell’Arma aeronautica, dei carabinieri e dei Bersaglieri, e a chiudere il corteo una numeroso gruppo di soci marinai e cittadini tortonesi.


Il corteo partito alle ore 10,00 ha fatto sosta in piazza del Duomo dove li attendeva il coro del Duomo diretto dal maestro Umberto Battegazzore , e come da programma è stato recitato l’inno d’Italia per intero, all’occasione la dottoressa Marisa Iotti, dirigente comunale , ha distribuito uno opuscolo dell’inno affinché anche i presenti potessero cantale le altre quattro strofe poco note alla maggioranza.

Dopo l’esibizione canora il corteo ha ripreso il suo defilamento per via Emilia, largo Borgarelli via Emilia per giungere al monumento ai caduti, dove si è dato inizio alla cerimonia con l’alza bandiera e l’onore ai caduti depositando una corona di alloro. Prima delle orazioni ufficiali vi è stato la donazione da parte dei soci ANMI comandante Nicola Chieppa, già presidente del  gruppo di Brivio e del socio Vincenzo Santovito gia presidente del gruppo di Andria di una lanterna di via sinistra  e di un Giroscopio per guida siluri, consegnati al gruppo ANMI,Il presidente E. Giuseppe Calore ha iniziato il proprio discorso ringraziando tutti per la partecipazione e leggendo una nota della Presidenza Nazionale che elogia il gruppo medesimo per l’attività svolta nei suo 15° anno di fondazione, di seguito il nuovo sindaco Federico Chiodi ha preso la parola, nella sua prima uscita ufficiale,  significando l’anniversario delle nascita della Repubblica e la festa della Marina, un breve saluto del se. Enrico Pianetta e a ultimare il discorso dell’On. Rossana Boldi, che rimarcato il passaggio dalla monarchia alla repubblica e il significato e i valori della democrazia, della libertà e dell’Unita d’Italia che accumuna tutti gli italiani in questa girono per la Festa della Repubblica.

All’ombra degli alberi prospicienti il monumento nei giardini dei Marinai d’Italia Don Pinuccio ha officiato la santa Messa, alla fine il vice Presidente Ruggero Rizzi ha recitato la preghiera del marinaio.

La manifestazione, ha proseguito con il corteo per ritornare in piazza Gavino Lugano, dove il Presidente della S.O.M.S  Giorgio Cremaschi, che dopo il  restaurato del monumento a ricordo dei caduti delle guerre di indipendenze per l’Unità d’Italia detto “la Dolente” eretto il 1 giugno 1980, ha predisposto per una re inaugurazione con la deposizione di una corona di alloro.

Alle 12,30 questa ricca giornata di avvenimenti è terminata per il Sindaco una triplice manifestazione che lo ha reso soddisfatto e orgoglioso della partecipazione di tanti cittadini e associazioni.

Il Presidente E. ANMI Giuseppe Calore