L’OPERA DI SOCCORSO si può sinteticamente riassumere in 6910 interventi complessivi di cui Ø 889 richieste per incendio; Ø 89 richieste per incendi boschivi e di sterpaglie; Ø 400 richieste per incidenti stradali; Ø 200 richieste per france, crolli e dissesti statici; Ø 275 richieste per danni d’acqua; Ø 522 richieste per soccorso a persona; Ø 334 richieste per ascensori bloccati Ø 3832 richieste per soccorsi vari (assistenze, taglio di alberi pericolanti, apertura di porte, soccorso ad animali). All’attività di soccorso tecnico è strettamente affiancata l’importantissima azione di “prevenzione incendi” e “sicurezza sui luoghi di lavoro”: quanto più è presente in modo qualificato l’attività di prevenzione tanto minore è l’incidenza dei sinistri e in termini di probabilità di accadimento e in termini di danni conseguenti all’evento. L’ATTIVITA’ DI PREVENZIONE INCENDI ha riguardato Ø 279 valutazione progetto ex art. 3 DPR151/11 Ø 747 Segnalazioni Certificate di Inizio Attività ex art. 4 DPR 15 L’ATTIVITA’ DI POLIZIA GIUDIZIARIA ha riguardato Ø 15 sopralluoghi di verifica a seguito di esposti-denuncia e di intervento di soccorso con attivazione delle procedure sanzionatorie di cui al D.Lgs. 758/94; Ø 35 informative all’Autorità Giudiziaria; Ø 112 istanze evase di accesso agli atti amministrativi Legge 241/90. L’ATTIVITÀ DI FORMAZIONE ESTERNA ha visto l’espletamento di CORSI ANTINCENDIO (D.Lvo 81/08 – sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro) Ø 28 corsi espletati; Ø 409 lavoratori formati (come addetti alle emergenze nei luoghi di lavoro); Ø 475 abilitati alla lotta antincendio nei luoghi di lavoro. SERVIZI DI VIGILANZA Ø 144 servizi espletati presso teatri/cinema, mostre/esposizione e circhi/teatri tenda; ATTIVITA’ SVOLTE IN CONPARTECIPAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO DEL CORPO NAZIONALE in congedo ha visto l’organizzazione di: Ø n. 43 edizioni del progetto “Ambiente sicuro infanzia” svolte tra la sede VV.F. Centrale e le sedi VF distaccate nel territorio provinciale, cha hanno visto la partecipazione complessiva di circa 900 bambini.

Nell’allegato schema si riportano in sintesi i dati più significativi relativi all’attività svolta dal Comando dall’1.12.2017 al 30.11.2018. Tra le principali attività svolte dal Comando nell’anno trascorso, si ricordano soprattutto: · L’ATTIVITÀ DI SOCCORSO “ORDINARIA” Sono stati condotti 6910 interventi di soccorso, come meglio dettagliati nella scheda allegata. · L’ATTIVITÀ DI SOCCORSO IN OCCASIONE DELLE CALAMITÀ NAZIONALI Il personale del Comando ha supportato le operazioni di soccorso in occasione degli eventi atmosferici avversi a Genova e Belluno. Ha inoltre partecipato alle operazioni di soccorso presso il ponte Morandi di Genova sin dalle prime ore, impiegando i propri operatori qualificati USAR (Urban Search and Rescue) e coordinando le attività con un proprio funzionario. · LA PREVENZIONE INCENDI L’intensa attività svolta dai funzionari tecnici e dal personale operativo ha consentito l’evasione di tutte le istanze pervenute. 2 I risultati dell’attività di prevenzione incendi sono facilmente riscontrabili, laddove si rifletta sulla sensibile riduzione degli incendi aventi ad oggetto attività soggette ai controlli da parte del Corpo Nazionale. · L’INTENSIFICAZIONE DEI CONTROLLI DI POLIZIA GIUDIZIARIA Parallelamente all’attività di prevenzione incendi, sono stati intensificati i controlli di polizia giudiziaria, che hanno visto un incremento delle sanzioni elevate rispetto all’anno precedente, consolidando un trend di crescita che in 6 anni è passato da 4 a 45 sanzioni annue. Ciò ha consentito di porre rimedio a situazioni di potenziale pericolo, elevando pertanto la sicurezza della popolazione. ·


L’ATTIVITÀ ADDESTRATIVA E LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA Un ruolo fondamentale ha avuto l’addestramento continuo del personale operativo. Oltre ai corsi di formazione, è stato dato ampio spazio alle esercitazioni, soprattutto nel settore del soccorso con tecniche di derivazione speleoalpino-fluviale e della topografia applicata al soccorso. Notevole impulso è stato inoltre dato alla diffusione della cultura della sicurezza e al coinvolgimento dei più piccoli, con le manifestazioni “Pompieropoli”, svoltesi in collaborazione con la sezione di Alessandria dell’Associazione dei Vigili del fuoco in congedo. · LO SVILUPPO DELLA COMPONENTE VOLONTARIA La componente volontaria è stata potenziata mediante la formazione di base di 9 nuove unità, operanti presso il distaccamento volontario di Valenza. Allo scopo di far conoscere l’attività espletata dal Comando, si ritiene quanto mai utile e pertanto gradito, informare la collettività su quanto sopra riportato. Si ringrazia per la collaborazione. Il Comandante I