“Allenarsi” per andare incontro al futuro, vivere l’esperienza dell’Alternanza Scuola Lavoro come avvio alla realizzazione delle proprie aspirazioni e fronteggiare il problema della crescente disoccupazione giovanile: questo il senso del progetto “Allenarsi per il Futuro” sviluppato da Edoardo Galli di Bosch s.p.a., Davide Termini di Ranstad e dal famoso alpinista  Marco Confortola e organizzato dal Rotary Club Tortona Distretto 2032 in collaborazione con l’I.I.S. Marconi e il Liceo Peano, con il patrocinio del Comune di Tortona al quale hanno partecipato, lunedì 19 novembre, le classi 4^ dell’I.I.S. Marconi di Tortona.

Nella cornice del bellissimo Teatro Civico Edoardo Galli, Direttore delle Risorse Umane di Bosch s.p.a., ha esordito con un intervento in cui ha spiegato a noi studenti l’importanza di saper mantenere un giusto equilibrio tra la propria vita personale e quella lavorativa.  Galli ha inoltre  sottolineato come la capacità di inserirsi al posto giusto all’interno dell’azienda e svolgere una mansione che piaccia permetta al lavoratore di sfruttare al meglio le proprie capacità, aumentandone la motivazione e la gratificazione.

Questione cruciale, nel futuro delle giovani generazioni, è il fenomeno della disoccupazione, diffusa in Italia principalmente tra i ragazzi dai 15 ai 24 anni e su valori che purtroppo superano  il 31%. Il progetto “Allenarsi per il Futuro” fortemente voluto dal Rotary proprio per arginare questo fenomeno si articola in due fasi: la creazione di gruppi di orientamento e, successivamente, l’alternanza vera e propria. Le scuole che si “allenano” con questo progetto sono oltre 1100, e si registrano circa 4000 tirocini in tutta Italia.

Nella seconda parte dell’incontro abbiamo assistito alla presentazione di Davide Termini, giovane e carismatico rappresentante di Randstad, azienda multinazionale olandese che si occupa di formazione e risorse umane; nel corso del suo intervento, molto incisivo ed apprezzato, è stata più volte ribadita l’ importanza del sacrificio e della dedizione per il raggiungimento dei propri obiettivi.

La mattinata si è conclusa con la testimonianza di Marco Confortola, alpinista, himalaista, guida alpina, maestro di sci ed elisoccorritore . Una voce forte chiara, poche parole ma incisive,  uno stile diretto che  ha catturato l’attenzione del pubblico giovanile.   “Volere è potere” è la frase da lui più volte ripetuta. Riferendosi alla sua storia di scalatore estremo (10 cime oltre gli 8000 metri scalate senza ossigeno) ha descritto la fatica fisica e mentale e la forza che gli hanno permesso e gli permettono di credere in ciò che fa. La determinazione che in alcuni momenti è stata messa a dura prova, a causa dell’infortunio subito, gli ha dato ancora più forza e voglia di dimostrare che, se si vuole, tutto è possibile. Un invito ad inseguire e coltivare i nostri sogni.

Salutandoci con il motto: “Obbedire, studiare, fare sport, mai mollare!”, ha spronato tutti i presenti a profondere  il massimo dell’impegno in ogni situazione, tenendo a mente il valore della passione, essenziale per svolgere in modo soddisfacente il proprio lavoro, imprescindibile per dare un senso al proprio futuro.

Juan Manuel COGGIOLA  e Martina D’ANNA ,  4^AR Amministrazione , Finanza e Marketing

Serena TORLASCO,  4^AA Chimica materiali  e Biotecnologie