Un’altra bella notizia per l’ospedale di Tortona dopo il raddoppio dei medici del pronto soccorso, sperando che tutto non sia legato al fatto che nel 2019 ci sono elezioni regionali ma ad una politica VERA di rilancio del nostro ospedale.

Giancarlo Bonzanini, recentemente nominato Primario del reparto ortopedico nell’ospedale Santi  Antonio e Margherita, è uno dei primi ad adottare la nuova tecnologia dei sensori nella sostituzione totale del ginocchio.


“La tecnologia dei sensori – spiega il medico – fornisce le giuste informazioni per quantificare e ottimizzare il bilanciamento dei legamenti durante una sostituzione del ginocchio, uno dei fattori principali per la soddisfazione e il recupero del paziente dopo una protesi totale di ginocchio. Il sensore utilizzato durante la fase di prova fornisce informazioni sulla pressione generata dal femore sulla tibia durante l’arco di movimento e più specificatamente sull’inserto tibiale di prova durante la fase intraoperatoria, prima che l’impianto definitivo venga applicato. L’inserto di prova ha dei particolari sensori che comunicano con un computer esterno rilevando i valori di pressione generati dall’articolazione nel comparto mediale e laterale, informando il chirurgo di eventuali pressioni anomale o sbilanciate da correggere mediante le opportune azioni chirurgiche, oltre a segnalare la corretta posizione del femore rispetto alla tibia”.

Questo è un sostanziale cambiamento nel modo in cui ci si avvicina ad una procedura di protesi totale di ginocchio, che, secondo gli ultimi risultati pubblicati dalle riviste medico scientifiche, ha portato a notevoli miglioramenti nel recupero e nella riabilitazione dei pazienti.

Insomma dopo tanti anni forse qualcuno si sta rendendo conto dell’importanza dell’ospedale di Tortona. Speriamo non siamo fuochi fatui.