I nostri detrattori (che criticano per partito preso ma ci leggono sempre) devono capire che quando Oggi Cronaca scrive un articolo, lo fa a ragion veduta e dopo essersi informato e aver verificato la notizia.

Lo abbiamo scritto anche in https://www.oggicronaca.it/2018/02/nostro-modo-giornalismo/, sottolineando che noi siamo diversi da tanti altri giornali e siamo unici.


Purtroppo questo dà fastidio, come ha dato parecchio fastidio quando, il 2 settembre scorso, abbiamo pubblicato QUESTO ARTICOLO in cui riportavamo la preoccupazione di tanti tortonesi, compresi coloro che hanno i figli e che frequentano la “Palestra Bianca” in corso Garibaldi, per gli anomali assembramenti di persone a prima vista poco raccomandabili.

In molti ci hanno subissato di critiche soprattutto quando abbiamo scritto che si trattava di giovani e soprattutto di stranieri.

Apriti cielo! C’è stato l’insorgere di una marea di persone!

Il gestore di un blog di Tortona, dopo averci definito “giornale scandalistico” (frase poi corretta dopo diverse ore) aveva addirittura documentato con un video, dopo diversi appostamenti nella zona, che assolutamente non si trattava di stranieri. Bene: come lo definite quel giovane con la faccia scura che vedete nella foto a lato?

E l’uomo che urina dietro la panchina?

Le foto che pubblichiamo testimoniano che la preoccupazione di tanti tortonesi, dai noi descritta nell’articolo è reale.

Per carità sembra che non  facciano nulla di male, salvo usare i giardini come una latrina, ma noi non abbiamo scritto per colpevolizzare qualcuno, semplicemente abbiamo riportato le preoccupazioni di alcuni tortonesi, tutto qui, perché anche questo deve essere il ruolo di un giornale.

E queste righe non sono state fatte per rispondere ai nostri detrattori, di cui francamente non ci importa nulla perché noi andiamo avanti per la nostra strada, ma per ribadire che a distanza di 10 giorni la situazione è rimasta sempre la stessa e che quindi NON CI SIAMO INVENTATI NULLA.

Le immagini che vedete, infatti, sono state scattate martedì alle 17,30.

Ultima annotazione: non le abbiamo fate noi le fotografie, ma ce le ha gentilmente recapitate una lettrice. Noi infatti, non avevamo dubbi sulla gravità della situazione e non perdiamo certo tempo a rincorrere chi ci critica: abbiamo cose ben più serie da fare.