Come già avvenuto lo scorso anno rendiamo pubblici i dati sull’afflusso turistico avvenuto a Cervo nel corso del 2017.

Siamo l’unico soggetto a farlo perché non solo i giornali non divulgano informazioni come queste (che possono essere utili per gli operatori del settore oltre a rappresentare una curiosità per i lettori)  ma non lo fa neppure il  Comune di Cervo, né altri soggetti pubblici o privati.


Noi però crediamo sia importante per un Comune come Cervo che del turismo fa la sua economia, conoscere come vanno le cose e nel 2017 non sono andate bene perché se – come potete vedere dalla tabella ufficiale dell’Osservatorio regionale del turismo che pubblichiamo a fine articolo –   se è pur vero che il numero dei turisti è aumentato del 4,17% passando da 20.860 a 21.729 con un incremento di 869 persone, gli stessi turisti si sono fermati meno giorni.

Le presenze infatti sono passate 118.118 a 115.790 con una diminuzione di 2.328 presenze pari all’ 1,97% in meno. Se nel 2017 un turista che veniva a Cervo si fermava in media 5,6 giorni, nel 2017 la sua permanenza è scesa a 5,3 giorni. Praticamente un giorno in meno di soggiorno ogni tre turisti.

La cosa preoccupante è che le presenze sono diminuite soprattutto nei mesi estivi: maggio -28,7%, Luglio -7,11%, Agosto -7,91%. Fa eccezione Giugno dove invece le presenze sono aumentate del 19,7%.

Altro dato rilevante il numero dei turisti nei due mesi estivi per eccellenza: a Luglio sono rimasti praticamente gli stessi dello scorso anno (3.772 cioé cinque in più) ma la perdita di presenze è stata del 7,11% mentre ad Agosto è andata ancora peggio perché il numero dei turisti è aumentato del 5,34% ma le presenze sono diminuite del 7,91%.

Le defezioni riguardano soprattutto gli stranieri perché gli italiani si sono mantenuti sui livelli standard dell’anno precedente.

Di seguito le tabelle con tutti i numeri