Pubblichiamo di seguito una lettera di un tortonese che dopo aver chiesto un intervento del Comune di Tortona perché le auto parcheggiavano davanti all’ingresso di casa e dopo aver appurato che malgrado gli interventi del Comune la situazione è rimasta la stessa di qualche tempo fa, ha deciso di rendere pubblico il problema e di scrivere pure alla redazione della trasmissione televisiva “le iene”.

*****************************************

Buongiorno, 

a mesi di distanza e a soluzioni proposte ormai applicate credo sia doveroso fare il punto.
E il punto è: “quando la soluzione è peggio del problema proposto” (anche se, da cittadino, penserei più a un poco elegante “cornuti e mazziati”).
La presenza delle macchine continua imperterrita sull’entrata di casa nostra, ma aver modificato la viabilità in senso unico e TOLTO IL DIVIETO DI SOSTA nell’area antistante casa nostra ha prodotto un solo risultato: tolto il reato, non esiste più la vigilanza e la pena per chi ci parcheggia nel portone di casa. Ho personalmente visto più volte la macchina della polizia municipale passarci davanti a casa e nemmeno guardare, intanto il divieto di sosta non esiste più.
I nostri figli, esattamente come quando ho fatto la prima segnalazione, sono in pericolo quando escono di casa; e lo siamo tutti noi che abitiamo nel condominio.
La rampa in salita è comoda, la pena non esiste più, noi abbiamo macchine parcheggiate nel portone di casa e noi e i nostri figli (i minori nel condominio sono 4 solo sul mio piano) siamo in pericolo.
Ma non è più divieto di sosta!
HA VINTO CHI SI COMPORTA IN MODO INCIVILE E PREPOTENTE!!!
 
In più: è cambiata la viabilità, ma è segnalata in modo inadeguato.
Abbiamo costantemente macchine contromano, la mattina presto se ne trovano anche parcheggiate in senso opposto alla marcia.
 
Restiamo in attesa di un vostro riscontro, ma soprattutto di una soluzione definitiva al nostro problema, non alla legalizzazione di una situazione di rischio per cancellare il problema.
Questa volta, per piacere, non accontentatevi di far passare una macchina 2 volte per un paio di giorni per definire come sia la situazione: in Corso Don Orione, altezza Bar Jolly, le FFOO passano 1000 volte al giorno, basta che girino lo sguardo e prestino un minimo di attenzione. Scoprirete che la situazione è peggio di come ve la descrivo.
Cordiali saluti
Fabrizio Marchese
Il 28 luglio corso rispondendo alle lamentele del tortonese il Comandante della Polizia municipale aveva scritto:

Salve, in riscontro alla Sua mail la informiamo che la problematica da Lei evidenziata viene monitorata dagli operatori di servizio che quando riscontrano delle violazioni le sanzionano.

Tuttavia, nei prossimi giorni verrà introdotta una modifica viabilistica in Via Alfieri transformando la strada a senso unico di marcia con direzione consentita verso il semaforo (come peraltro in prevalenza viene percorsa). Ciò consnetirà di ricavare degli ulteriori posti auto e tracciare sulla strada, anche nel tratto ove attualmente c’è il divieto di sosta, gli stalli di sosta. La modifica dovrebbe risolvere il problema delle macchine con due ruote sul marciapiede (le altre continueremo a sanzionarle) che attualmente vengono lasciate in questo modo, sebbene in divieto di sosta, perché gli automobilisti si rendono conto che altrimenti intralcerebbero il transito dei veicoli.

Qualora il provvedimento non fosse sufficiente oltre a sanzionare i comportamenti scorretti provvederemo a segnalare al Settore Lavori Pubblici la necessità, vista l’esigua altezza del cordolo, di alzare il cordolo del marciapiede o di collocare dei dissuasori di sosta al fine di impedire il sormonto.

Per qualsiasi necessità non esiti a contattare noi al 0131821555 o il 112.

Saluti

Non sappiamo se Marchese o ci per esso, abbia scritto al Comune chiedendo di alzare il cordolo, ma ci auguriamo l’abbia fatto perché sarebbe la soluzione ottimale.