Domenica 15 ottobre si è dato inizio all’Anno Pastorale parrocchiale della nascente Parrocchia “San Bernardino”, ovvero il cambio della sede parrocchiale dalla chiesa di San Michele alla Cripta del santuario.

La celebrazione eucaristica è stata presieduta dal parroco don Renzo Vanoi insieme al suo vicario e responsabile dell’oratorio don Sergiu Ursache. Al termine, i numerosi bambini e genitori, insieme dagli animatori hanno proseguito la giornata di festa presso l’oratorio per essere sempre più, come ci indica e chiede il nostro vescovo, “comunità”.


Alle ore 10 nelle note del canto del coro “San Luigi” composto dai ragazzi dell’oratorio è iniziata solennemente la Santa Messa di apertura dell’Anno Pastorale 2017-18. In questa celebrazione erano presenti numerosi bambini del catechismo con i loro genitori, animatori ed educatori, catechisti ed operatori pastorali che in qualche modo ricoprono un ruolo o meglio un aiuto nella comunità. A loro dopo l’omelia è stata dato il “mandato” ovvero la benedizione per l’inizio delle diverse attività.

Il parroco don Renzo Vanoi nell’omelia dopo aver motivato la scelta del cambio della sede parrocchiale da San Michele alla Cripta del Santuario, denominando la Parrocchia sotto il titolo di “San Bernardino”, ha sottolineato alcuni concetti e indicazioni che la 2017_ott_15_Apertura Anno Pastorale 2017-18_parr_ (25)comunità tutta è chiamata in prima persona, ognuno nel suo ruolo, di bambino, ragazzo, genitore, educatore per compiere bene questo cammino: “dobbiamo comprendere quanto la messa domenicale sia un momento celebrativo fondamentale in particolare per i bambini con i loro genitori che frequentano la catechesi. Abbiamo bisogno dell’incontro con il Signore, di nutrirsi del suo corpo per essere dei cristiani autentici”. A concluso poi con un augurio a tutti in particolare ai formatori nei vari ambiti: “Il Signore ci conceda di essere sempre concordi tra noi, aiutandoci a vicenda perché ci sia davvero una vera comprensione. Ci conduca per mano in questa avventura”. Tutti insieme poi in oratorio, guidati dal chierico Riccardo i ragazzi hanno offerto uno spettacolo ai numerosi bambini e ragazzi che insieme ai genitori hanno condiviso successivamente un momento di fraternità proseguendo poi nello ‘stare insieme’. elemento fondamentale della comunità.

Fabio Mogni