Dopo la presentazione al prestigioso Salone del Libro di Torino, il nostro direttore, Angelo Bottiroli, presenterà il suo libro “Le Tre scelte della vita” al Book Pride di Genova (http://www.bookpride.net), la prestigiosa Fiera dell’editoria indipendente, che si svolge due volte all’anno a Milano e Genova.

Si tratta di una rassegna libraria molto importante che si svolge per la prima volta a Genova, a Palazzo Ducale in piazza Matteotti 9 da venerdì 20 a domenica 22 ottobre dalle 10 alle 21 con ingresso gratuito con centinaia di espositori, tutti però editori indipendenti.


Non troverete quindi le grandi case editrici ma una serie di editori che insieme stanno dando vita a qualcosa di veramente importante a livello nazionale e internazionale.

Angelo Bottiroli presenterà il suo libro alle 17 di sabato 21 ottobre presso la sala del minor consiglio insieme ad altri tre autori della casa editrice Leucotea: Laura Codegoni, Danialea Quadri e Danilele Siri.

Gli organizzatori hanno dato all’editore Matteo Moraglia la disponibilità di questo spazio e lui ha scelto quattro autori molto rappresentativi.

Per il nostro direttore si tratta di un riconoscimento importante.

Book Pride è promosso e organizzato da Odei, Osservatorio degli editori indipendenti, associazione nata con l’obiettivo di dare voce e rappresentanza all’editoria indipendente.

Una realtà, quest’ultima, vivace, vasta e variegata che rappresenta fra il 30 e il 40 per cento dell’intero settore editoriale, capace di una produzione spesso di alta o altissima qualità, che svolge una fondamentale attività di ricerca e scouting a beneficio di tutto il settore, e che tuttavia fatica a trovare spazio in libreria.

L’Odei conta oggi fra i suoi iscritti circa cento editori. Fra gli obiettivi principali dell’associazione la promozione della lettura e la difesa della bibliodiversità, vale a dire delle condizioni necessarie per garantire il pluralismo editoriale e quindi culturale.

In questo senso l’Odei ha collaborato all’elaborazione di una proposta di legge sul libro depositata in Parlamento, è un interlocutore di tutte le istituzioni, sia centrali che locali, per tutto ciò che riguarda l’editoria, è attiva sul fronte delle buone pratiche lavorative in un sereno e costruttivo confronto con tutti gli operatori della filiera editoriale e promuove occasioni per dare visibilità alla produzione dell’editoria indipendente.