Dopo mesi di “tira e molla” accuse da parte della minoranza e pretese più meno congrue è stato raggiunto l’accordo per la riapertura del centro anziani  “Ada Carlotta Garibaldi” in via Genova, un circolo privato che aveva chiuso perché l’accordo decennale che prevedeva la corresponsione da parte del Comune di 45 mila euro all’anno era scaduto e il sindaco Giacomo Chiappori non aveva la benché minima intenzione di sottrarre alle casse comunali una così ingente somma per fa funzionare un centro anziani quando a poche decine di metri di distanza, in via Cairoli ce ‘è già in funzione uno analogo sotto la gestione del comune.

E’ nato così un contenzioso  che è durato nove mesi e finalmente è giunto alla conclusione: il Centro Anziani Ada Carlotta Garibaldi riapre dal 1° ottobre sotto la gestione del Comune..


In pratica tra il Comune di Diano Marina ha stipulato un contratto con la “FONDAZIONE CASA di RIPOSO MARIA ARDOINO MORELLI di POPOLO – ONLUS.” proprietaria dell’immobile in via Genova dove sorgeva il centro anziani che prevede che la Fondazioni ceda in comodato gratuito al Comune l’immobile con annessi e connessi per la durata di 4 anni.

L’immobile e le attrezzature concesse in uso gratuito sono tassativamente vincolate all’uso e/o utilizzo esclusivo di “circolo ricreativo per anziani” con precedenza di accesso ed uso agli anziani Dianesi e con età non inferiore a 70 anni. Il Comune si impegna a gestire il Circolo con apertura settimanale non inferiore a cinque ore giornaliere e per cinque giorni settimanali, salvo la chiusura nelle festività.

Il Comune si  impegna a farsi carico direttamente di tutte le spese pertinenti l’uso nonché a volturare e
sostenere le spese riguardanti le utenze (energia elettrica, luce, gas, rifiuti etc.) nonché a stipulare una polizza fudjussoria  di 30 mila euro come cauzione.

Oltre alla libera facoltà di gestire in proprio il Circolo per anziani, è concesso al Comune la facoltà di utilizzare per la gestione del medesimo, l’ausilio di gruppi e/o singoli volontari, gruppi di associazioni e/o singole associazioni di volontariato ricreative e non, apolitiche ed apartitiche, purché tassativamente mantengano invariata la destinazione d’uso e l’attività di “centro sociale per anziani con precedenza ai residenti in Diano Marina”.
L’Amministrazione Comunale di Diano Marina determinerà nella maniera giudicata più conforme quote di accesso e/o di compartecipazione alle spese da parte dell’utenza.
E’ tassativamente vietato svolgere all’interno dei locali, a garanzia dei diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità delle persone, e, in particolare, per il diritto alla protezione dei dati personali, qualsiasi attività discriminante del credo religioso e dell’orientamento politico, sindacale e  sessuale.

La gestione di questo secondo circolo, a quanto pare, potrebbe essere affidata allo stesso soggetto che gestisce l’altro Circolo per anziano in via Cairoli.

Le quote di accesso e di compartecipazione da parte dell’utenza del  Centro Anziani Ada Carlotta Garibaldi saranno definite annualmente attraverso una apposita Commissione formata dai seguenti membri:
1) dall’Assessore o Consigliere con delega ai Servizi Sociali;
2) dal Segretario Comunale;
3) dal Responsabile dei Servizi Sociali;
4) da un membro nominato dall’Associazione ANTEAS;
5) da un membro nominato dall’Associazione AUSER