Altre due denunce per un 14enne marocchino residente in Melazzo, già responsabile di diversi furti negli ultimi mesi in Acqui Terme, tra cui quello a un noto negozio di videogames. Le Stazioni di Rivalta Bormida e Spigno Monferrato, in due distinte indagini, lo hanno infatti riconosciuto quale responsabile di un furto di un cellulare e di un furto con strappo, entrambi avvenuti in Acqui Terme tra il mese di giugno e il mese di luglio scorsi.

Nel primo caso il 14enne aveva rubato un cellulare di ultima generazione a un 17enne. Le indagini dei Carabinieri di Rivalta Bormida, suffragate dai tabulati telefonici, hanno permesso di risalire sia al 14enne, che dopo il furto aveva utilizzato il telefono per qualche giorno, sia a un 18enne acquese, anch’egli già noto alle forze di polizia, cui era stato poi dato l’apparecchio. Per quest’ultimo è scattato il deferimento in stato di libertà con l’accusa di ricettazione.


Nel secondo caso il 14enne, nei pressi della stazione dei pullman di Acqui Terme, vista una giovane con il portafoglio in mano, non aveva esitato a strapparglielo di dosso per poi darsi alla fuga. Le indagini dei militari di Spigno, con l’ausilio dei sistemi di videosorveglianza della zona e del riconoscimento effettuato dalla vittima, hanno permesso di risalire al giovane, deferito nuovamente per furto con strappo.