Il racconto che segue è quello di una donna imperiese, Vittoria Stancanelli e la dice lunga sul “buonismo” che pervade l’Italia e sull’amore dei nostri politici e delle Ong verso gli immigrati che andiamo a prendere a casa loro per portare sulle nostre coste e nel nostro Paese offrendo loro completamente gratis vitto, alloggio e vestiario e visto che – poverini – non hanno nulla, gli regaliamo pure 2 euro e mezzo al giorno per i loro vizi.

Per contro, in Italia ci sono tanti italiani che vivono di stenti, costretti a frugare nei rifiuti per trovare qualcosa da mangiare.


Questo è il racconto di alcuni di loro, da parte della nostra lettrice: una vera e propria denuncia verso una situazione che purtroppo non riguarda soltanto Imperia ma tante città italiane, dove i nordafricani con la pelle nere vanno in giro ben vestiti e con il cellulare di ultima generazione e molti italiano sono costretti a fare la vita che ci racconta Stefania

 

IL COLORE DELLA PELLE CONTA…..

Prima di scrivere questo post volevo conferma di quello che scrivevo, così dopo aver avuto maggiori ragguagli posso raccontare ciò che vedo tutte le sere..
Passando in auto lungo una strada di Imperia, da diverso tempo vedo sempre un gruppo di persone fuori dal cancello di un supermercato aspettare. Erano più o meno sempre le stesse perché giorno  dopo giorno ho memorizzato i loro volti.

Subito non capivo cosa  facessero lì, ma ieri sera passando un po’ più tardi ho notato che quelle persone aspettavano che gli addetti del supermercato buttassero nei cassonetti dei rifiuti i generi alimentari scaduti quelli con la data di scadenza odierna che il giorno dopo non si possono più vendere, ma che fino a mezzanotte (e forse anche qualche giorno dopo) son ancora commestibili,.

Mi sono fermata e ho notato la fremente attesa di queste persone che poi si avvicinati a rovistare dentro i cassonetti dei rifiuti.

Allora sono andata a parlare con qualcuno del supermercato e un’addetta mi ha spiegato che oramai e’ una prassi di tutti i giorni, e proprio perchè loro sanno, gli addetti del supermercato cercano di cercano di buttare la merce scaduta sopra carte e cartoni o dentro le scatole scatole, in modo che i cibi che gettano nella spazzatura non si sporchino ulteriormente e per queste persone sia piu semplice raccattarla.

A  volte – mi ha riferito l’addetta del supermercato –  se possono mettono fuori delle scatole con del latte o altro che non possono più vendere, ma ‘ ancora commestibili.

Due di queste persone che rovistano tra i rifiuti vivono ai margini di un boschetto, in una roulotte, ma non mi ha saputo dire dove. Vivono con poche centinaia di euro: uno di loro ha 78 anni e l’altro che lo accompagna, non ha nessuna pensione. Possiedono una panda che probabilmente usano solo per scendere a raccattare un po di cibo.

E’ un’auto scassata e naturalmente non possono permettersi una casa.

Gli altri sono famiglie con bambini, tra cui una signora anziana che sta in piedi per miracolo

Vi assicuro che vedere quella gente raccattare il cibo dalla spazzatura stringe il cuore e per me che posso ancora permettermi di decidere cosa mangiare ogni giorno e’ un angoscia..

Ho pensato di fare un po di spesa e lasciarla al supermercato perche’ potessero dargliela appena arrivavano, cibi che probabilmente non mangiano da tanto tempo e lo farò.

Vorrei capire perche’ accade tutto questo e nessuno si accorge di niente o fa finta di niente, perche’ stiamo aiutando tante persone che vengono da lontano e non abbiamo nulla per questa povera gente.

La cosa grave è che se dico che sono ITALIANI rischio di essere tacciata razzismo in questa Italia ormai allo sbando.

E allora mi domando perché le cooperative e le associazioni aiutano i migranti e non queste persone?

La risposta è ovvia: per gli italiani non si paga e così diventano meno di nulla perché non fanno entrare soldi!!

Ma  perche’ non alzate il culo da quelle sedie e da quelle tastiere che avete davanti e vi fate un giro per vedere con i vostri occhi dove siamo  arrivati?

No,gli extracomunitari non sono il solo problema: è il governo che li sostiene, che li fa venire qui,   abbiamo  buonismo a senso unico, solo per gli stranieri e chi se ne frega se un italiano è nelle stesse condizioni…..

I veri RAZZISTI sono i falsi buonisti e io mi vergogno del disastro di questa società e di chi l’ha resa uno schifo.

Vittoria Stancanelli