Per la prima volta a Tortona domenica si venderà il nuovo pane realizzato col il grano pastore.

Avverrà  per la prima Festa del Ringraziamento del grano San Pastore e del Pane Grosso di Tortona in programma domenica 23 luglio dove, per l’occasione, in piazza Gavino Lugano dove sarà allestito dalle 8 alle 14 un mercato straordinario di Campagna Amica che vedrà la partecipazione per la prima volta il Consorzio Nazionale Produttori San Pastore e i panificatori del Grosso di Tortona tutti insieme per dare il benvenuto al Pane Grosso di Tortona.


Inoltre, in piazza Duomo, a lato della Curia Vescovile, sarà creata una piccola istallazione agricola, una sorpresa per la città per custodire i covoni e i pani che in segno di gratitudine agricoltori e panificatori porteranno in duomo a S.E.R. Mons. Vittorio Viola, Vescovo di Tortona, durante la Messa delle 10.30: un modo per celebrare e ricevere la benedizione su questo frutto della Terra e del lavoro dell’uomo.

E per la prima volta, durante tutta la mattina sarà possibile acquistare il Pane Grosso di Tortona in un gazebo in piazza Duomo a cura del gruppo panificatori.

Il Pane Grosso di Tortona è realizzato attraverso il recupero del frumento tenero San Pastore, il grano più diffuso in Italia e “ritrovato” dopo oltre sessant’anni, attraverso la panificazione con lievitazioni naturali. Il Pane Grosso di Tortona è un pane 100% San Pastore con lieviti madre anch’essi di San Pastore. Il nome deriva dalla moneta che il comune di Tortona fu autorizzato a coniare niente di meno che da Federico II, tale e tanta era l’importanza della città come granaio dell’impero. Il Grosso di Tortona è un pane di circa un chilo di forma rotonda con impresso un taglio a simboleggiare la stella a otto punte che porta a convergenza sia la stella impressa sulla moneta sia quella dello stemma vescovile della Diocesi di Tortona.