A nemmeno di 200 metri dal mare che si vede in fondo a viale Matteotti e ancora meno distante dal centro storico di Diano marina si trova una zona il cui degrado è impressionante.

Parliamo della zona della ex stazione di Diano marina che da quando è stata abbandonata nel dicembre scorso è diventata uno scempio.


Il grande parcheggio a fianco della stazione che costeggia via Sottana alla foce non è mai stato un esempio di ordine e decoro, con auto abbandonate sul piazzale, detriti, buche e quant’altro, ma da quando sono stati tolti i binari, come potete vedere dalle immagini che pubblichiamo a fine articolo, la situazione è largamente peggiorata: le auto abbandonate sono passate da due a tre, i rifiuti sono aumentati, la zona è priva di controllo, e il degrado è sotto gli occhi di tutti.

Com’è noto, tutto l’ex sedime ferroviario dovrà essere ceduto ai Comuni, ma per snellire i tempi burocratici che si preannunciano tutt’altro che brevi, il Comune di Diano marina ha chiesto in comodato gratuito alcuni pezzi dell’ex linea ferroviaria fra cui questa zona.

Il vice sindaco Cristiano Za Garibaldi

“Già nel dicembre scorso con l’inaugurazione della nuova linea ferroviaria – dice il vice sindaco di Diano marina Cristiano Za Garibaldi – abbiamo chiesto l’uso in comodato gratuito di alcuni tratti dell’ex sedime: purtroppo ad un veloce assenso delle Ferrovie dello stato non è seguito un inter spedito da parte della Regione, ma ala situazione dovrebbe sbloccarsi a breve. mancano solo le firme per cui mi auguro, entro poche settimane, che il Comune possa avere la gestione di queste aree. La prima cosa che faremo (e mi auguro di farlo entro questo autunno) è di aprire dei varchi, fra cui quello in via saponiera in prossimità del campo sportivo.”

Tempi molto più lunghi, invece per sistemare l’area vicino alla ex stazione: “Purtroppo la sistemazione di una vasta zona come quella – conclude il vice Sindaco di Diano Marina – che intendiamo trasformare in un grande parcheggio gratuito non è questione di poche settimane: bisogna realizzare un progetto con tutti i passaggi burocratici e trovare i fondi per realizzare il parcheggio e sistemare la zona. Mi auguro di riuscire a farlo entro un anno da quando ci daranno in gestione le aree.”

Nel frattempo quindi il degrado continuerà ad essere sotto gli occhi di tutti e aumentare. Degrado che documentiamo già oggi con le immagini che vedete sotto.