Si è svolta nella mattinata odierna la Cerimonia per ricordare le 239 vittime alessandrine dei bombardamenti alleati del 30 aprile 1944.

Il tragico evento è segnalato anche da una targa posta sulla facciata della Scuola “C. Zanzi”, sulla piazza omonima del quartiere “Cristo” di Alessandria e il motivo specifico di tale collocazione è perché quelle vittime del più sanguinoso bombardamento avvenuto nella Città di Alessandria durante la II guerra mondiale erano proprio abitanti di questo popoloso quartiere.


Nella ricorrenza del 73° anniversario dal drammatico episodio bellico, l’Amministrazione Comunale ha inteso promuovere una Cerimonia a cui — oltre alle autorevoli rappresentanze istituzionali locali (Guardia di Finanza, Scuola della Polizia di Stato, Diocesi) — non hanno fatto mancare la propria presenza sia i Bersaglieri della sezione “E. Franchini” di Alessandria dell’Ass. Naz. Bersaglieri, sia i veri “protagonisti” di questo ricordo.

Si tratta degli studenti delle classi V a e V B della Scuola Primaria “C. Zanzi” che — guidati dalle proprie insegnanti e dalla Dirigente scolastica, prof.ssa Antonella Talenti — hanno letto alcuni brani di carattere storico riportanti la narrazione di ciò che avvenne in quella tragica domenica 30 aprile 1944.

Il Sindaco della Città — intervenuta insieme all’Assessore comunale al Sistema Educativo Integrato, al Presidente della Commissione Comunale Cultura e Istruzione e ad una Consigliera in rappresentanza dell’Amministrazione Provinciale di Alessandria — ha sottolineato nel proprio intervento conclusivo l’importanza del ricordare e di farsi tutti consapevoli di quanto è successo affinché il futuro sia più sereno, più giusto e più responsabile, invitando gli studenti a fare un pensiero “speciale” la prossima domenica 30 aprile proprio a quanto è capitato nel loro quartiere 73 anni fa.