Quasi 300 mila euro per lo sviluppo del turismo e dello sport da qui alla fine dell’anno.

[wp_bannerize_pro orderby="random" categories="322"]

Questa la somma stanziata dal Comune di Diano Marina per allestire manifestazioni in grado di allietare i numerosi villeggianti che affollano camping e alberghi, nonché titolari di seconde case che periodicamente si recano nella capitale del Golfo Dianese alla ricerca di svago e relax.

La cifra, messa a bilancio e disponibile è esattamente di 295.189 ed  è stata approvata nell’ultima riunione del Consiglio comunale e prevede diversi interventi che riguardano sia l’erogazione di servizi turistici che la realizzazione diretta o indiretta di manifestazioni a richiamo turistico.

“L’attività di promozione per il 2017 – dichiarano in Comune – comprenderà anche incontri all’estero con appositi buyers e operatori turistici dei Paesi esteri. Attraverso la Regione, l’agenzia di Promozione turistica regionale parteciperà con un proprio stand ai maggiore eventi nazionali ed estere, in modo particolare fiere e workshop a Lione in Francia, a Londra in Inghilterra, a Rimini e molte altre.”

Come ogni anno l’Assessorato al Turismo e alle manifestazioni guidato da Davide Carpano punterà sull’organizzazione di manifestazioni durante tutto il corso dell’anno, in particolare nei periodi tipicamente vacanzieri (Pasqua, estate e Natale), confermando gli eventi della tradizione dianese (Infiorata, Windfestival e altri) oltre ad offrirne di nuovi cercando di soddisfare le esigenze di tutte le tipologie di turisti, con un occhio di riguardo per il turismo familiare che incide in maniera importante nel tessuto cittadino.

Un altro obiettivo è quello del rilancio e dello sviluppo dello sport  guidato dall’assessore Veronica Brunazzi e dell’impiantistica sportiva;  in particolare del Palazzetto dello Sport attraverso la collaborazione con le società e le associazioni sportive, garantendo la massima fruibilità e utilizzo delle strutture da parte dei cittadini e stipulando una convenzione per la gestione dell’immobile con una Polisportiva composta dalle Associazioni interessate presenti sul territorio per dare luogo ad un comodato modale, con il quale la Polisportiva si dovrà impegnare ad eseguire tutti i lavori di manutenzione ordinaria sull’immobile in cambio dei quali l’Ente rinuncerà a chiedere la corresponsione di un canone di affitto.