La rassegna teatrale a Sarezzano sta diventando una piacevole consuetudine. Dopo i due appuntamenti di settembre, riprende e chiude il 2016 con due spettacoli teatrali pre natalizi.

 

Il sipario si riapre con “CARNAIO”, per la regia di Maurizio Pellegrino, che va in scena sabato 10 dicembre alle ore 21.


Si tratta di un testo intenso e dai ritmi in continuo cambiamento. Carlo DeBernardi, Raffaella Calorio, Claudia Chiodi e Massimo Orsi sono i protagonisti, li troviamo da subito seduti gli uni di fronte agli altri, in un lindo e assennato salotto borghese, per cercare di risolvere, da persone adulte e civili quali essi ritengono di essere, una lite scoppiata ai giardinetti tra i rispettivi figli.

Sin dalle indicazioni introduttive, si delineano nello spettatore sentimenti di tolleranza e di conciliazione, che tuttavia lasciano ben presto il posto a nervosismi repressi, rancori e alla voglia di aggredire l’altro e colpirlo nei suoi punti deboli. La ragione perde il controllo sugli istinti e le passioni ed esplode la nevrosi soffocata. Le due coppie iniziano a scambiarsi offese sempre meno velate. I risentimenti vengono a galla, le alleanze si sgretolano, una parte talvolta solidarizza con quella avversaria.

Crollano le convenzioni sociali che obbligano i personaggi a comportarsi civilmente e si smascherano i veri sentimenti in gioco. Il teatro diventa lo specchio critico della società e della nuova classe dirigente, che di lì a poco avrà bisogno della psicoanalisi per salvarsi dalle ansie del quotidiano.

 

La rassegna si chiude venerdì 16 dicembre con “Una mattina mi son svegliata… Donne nella Resistenza” portato in scena da Akeron Teatro.

 

Entrambi gli spettacoli sono ad ingresso a offerta. La S.M.S. si trova in Piazza Marconi a Sarezzano.