La scena sembrava quella tipica dei film: una donna gravida con  le acque rotte da un pezzo e il bimbo che sta per nascere e lo fa mentre l’ambulanza a gran velocità cerca di arrivare in ospedale, ma non fa in tempo.

Stavolta è accaduto per davvero. E’ successo alle 14,30 di oggi, martedì quando una giovane donna di nazionalità straniera sta male e chiama l’ambulanza del 118 non si tratta però di un malore ma di parto ormai in atto.


Medico e infermiere si accorgono della situazione e dicono all’autista di dirigersi subito all’ospedale di Alessandria, ma non c’è tempo, è tardi e se non si porta subito a compimento il parto il neonato rischia di morire e la mamma pure.

Immaginiamo i sudori freddi del medico e dell’infermiere che pur essendo altamente qualificati non erano certo preparati a una simile evenienza. E così mentre l’ambulanza a sirene spiegate transita per Bassignana, Piovera, Lobbi e Castelceriolo,  all’interno i sanitari cercano di fare tutto il possibile per mettere a proprio agio la donna pur non essendo un’ostetrica, coi mezzi di cui dispongono riescono a portare a termine il parto nel migliore dei modi.

Nasce una splendida bimba che viene data in braccio alla mamma proprio nel momento in cui l’ambulanza arriva in ospedale. Mamma e piccola stanno bene ma  vengono portate presso il reparto di ostetricia per completare le operazioni di rito previste in questi casi.

Un doveroso plauso al medico e all’infermiere che hanno saputo svolgere alla grande il loro lavoro.