Egregio Direttore,

Lo avevano già scritto in passato che Chiappori si comporta come tutti i politici di lungo corso, che quando arriva un’emergenza giocano a scarica barile: le colpe sono sempre degli altri.


Oggi, il Sindaco riesuma un documento del 2011, a Lui ben noto, con il quale i sindaci di allora sottoscrivevano con gli Enti interessati un programma per risolvere i problemi di collegamento viario con la costruenda nuova stazione.

Son passati anni e come è normale alcuni dei sindaci che sottoscrissero quell’accordo per ragioni di avvicendamento amministrativo non sono più in carica.

Potevano costoro portare avanti quei progetti? Pensiamo, no.

Esiste il principio della continuità amministrativa che si riassume nel detto” I sindaci passano, i comuni restano”.

Era compito specifico di Chiappori interessarsi a quei progetti. D’altronde i vertici della Regione a partire dal suo Presidente sono venuti più volte a far visita al comune di Diano.

Ora a pagare il conto saranno come sempre i cittadini.

 

Pippo Manduca – Diano Futura