Al termine di approfondita attività investigativa, i militari della Stazione Carabinieri di Stradella hanno deferito in stato di libertà la 49enne A.A., nata a Milano e residente a Montescano (PV), nubile, infermiera, giacché resasi responsabile del reato di simulazione di reato.
La donna, lo scorso 30 maggio 2016, aveva denunciato che quella mattina, mentre percorreva la via Chiozzi di Stradella, uno sconosciuto le aveva scippato la propria borsetta, contenete tra l’altro la somma di € 500 (cinquecento/00). La stessa, inoltre, subito dopo il presunto scippo, si era autonomamente recata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Stradella, dove le veniva diagnosticato un trauma alla spalla sinistra, con la prognosi di 10 giorni.

Fin da subito, nel corso delle indagini, emergevano alcune incongruenze e contraddizioni rispetto al racconto fornito dalla denunciante, la quale, di fronte alle evidenze investigative, ha infine ammesso di aver simulato il citato evento delittuoso, asserendo di averlo fatto solo per attirare l’attenzione dei propri familiari.


Le ipotesi al vaglio sono tese al verificare eventuali comportamenti ludopatici della donna che avrebbe cercato di giustificare l’ammanco di denaro.