Sono in fase di completamento le opere di restauro conservativo, risanamento e consolidamento statico dello “Sperone” costituente il complesso monumentale del Castello e delle Antiche Mura della Città.

Il rudere riveste una particolare importanza storico-architettonica oltre che per la tipologia edificatoria anche perché perfettamente identificabile sulle planimetrie della cittadella fortificata.


Gli interventi, finanziati con l’utilizzo delle economie derivanti dai diversi contributi regionali a seguito dell’evento sismico del 2003, per un importo complessivo di 110.000,00 euro, sono stati realizzati di concerto con la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli.

Alcune parti di mura, a rischio di crollo, sono state messe in sicurezza mediante inserimento di idonee barre in acciaio inox e successiva sigillatura e stuccatura con aggrappatura delle parti lesionate.

Inoltre è stata realizzata sia la protezione delle creste delle murature con “bauletti” in cocciopesto appositamente miscelato con calce e sabbia al fine di offrire duratura protezione alle murature dalle precipitazioni atmosferiche, che la sigillatura delle zone caratterizzate da distacchi e da particolare degrado del materiale lapideo ove fortunatamente si erano conservate le parti apparecchiate con mattoni.

Ultimato il restauro conservativo, verranno rimosse tutte le macerie che, nel corso degli anni, si sono accumulate alla base delle mura, con ripristino dei piani di calpestio creati al momento della realizzazione del parco, evidenziando che i piani d’uso ai tempi dell’attività della zona fortificata erano circa 3 metri più in basso rispetto allo stato attuale.

Ufficio Stampa Comune di Tortona