Ha destato scalpore e sconcerto la proposta del primo cittadino di Alessandria Rita Rossa per contrastare la criminalità nel territorio comunale utilizzando personale dell’Esercito Italiano. Tale proposta arriva in seguito alla maxirissa che ha avuto teatro in pieno centro nei giorni scorsi, con protagoniste bande formate da extracomunitari, e il danneggiamento da parte di piccoli teppisti di una navetta su cui viaggiava la figlia del sindaco stesso.

Si sono dovuti attendere ben quattro anni prima che il primo cittadino prendesse atto della difficile situazione in cui versa la città di Alessandria e soprattutto ha dovuto subirne gli effetti, fortunatamente senza conseguenze, sulla propria vita personale.


Infatti, sembra che fintanto che i politici non assistono personalmente ai disagi creati dalle loro amministrazioni, vivano nel mondo idilliaco e finto ove “tutto va bene”.

Alessandria è vittima da decenni della microcriminalità, complice, secondo noi, la pessima gestione dell’immigrazione che, come i fatti di cronaca ci mostrano, è una dei principali complici dell’aumento della criminalità, ma sinora nessuno ha trovato, per incapacità o per mancanza di voglia, trovare soluzioni radicali ed efficaci.

E di certo l’utilizzo dell’Esercito, nonostante le apparenze, non è tra queste; infatti i soldati, oltre ad avere competenze ben specifiche, svolgerebbero solo compiti di pattugliamento del territorio, incarichi che potrebbero essere tranquillamente eseguiti da personale preposto della Polizia, municipale o di Stato. Invece assistiamo a continue proteste per i tagli all’organico, ai mezzi, al personale, facendo così il gioco della criminalità. E oltre che ad avere un buonismo eccessivo (e pericoloso) che non espelle gli stranieri colpevoli di reati usando la scusa dell’antirazzismo, abbiamo il permissivismo di una giustizia che non fa il suo corso lasciando liberi delinquenti pericolosi ed essendo troppo rigida su reati minori, punibili con un’ammenda e non con la carcerazione a spese della comunità.

Quindi immigrazione incontrollata, tagli alla sicurezza, morbidezza della magistratura sono gli ingredienti perfetti per creare una situazione tesa, paura, perdita di fiducia verso chi viene pagato per difenderci ma non lo fa, creando inevitabilmente il clima del far west. Qualcuno azzarda l’ipotesi che la delinquenza si prevenga nelle scuole e non con la deterrenza: ad essi rispondiamo che la deterrenza è un metodo relativamente efficace ma non perfetto e che la cultura ha il suo peso nella formazione di buoni cittadini, ma non in questa società che sembra volere incentivare disagi e insicurezza.

E noi vediamo nel sindaco attuale, la principale responsabile di questa situazione.

Forza Nuova – Alessandria