marc - qAl Teatro Alessandrino, la briosa Mirandolina, la Locandiera per antonomasia, ha intrattenuto gli studenti delle classi 2^AR, 2^AC,2^AE, 4^BC, 4^AE e 4^AM dell’ I.I.S. Marconi di Tortona in più di un’ora di effervescente ed arguta comicità.  Mirandolina, interpretata dalla bravissima Giulia Versari,  gestisce con accortezza la locanda ereditata dal padre, aiutata dal fedele cameriere Fabrizio e, mentre si occupa della sua attività, si destreggia con disinvolta malizia tra aristocratici decaduti, il Marchese di Forlimpopoli , e ricchi parvenu dalla nobiltà di recente acquisizione come  il Conte di Albafiorita.    Tra i due goffi corteggiatori si inserisce il Cavaliere di Ripafratta, uomo scostante e prevenuto, la cui misoginia scatena l’amor proprio della locandiera, che mette in campo tutte le  strategie di seduzione di cui dispone pur di riuscire ad affermare la propria volontà e che, una volta riuscita nell’intento, decide di sposare Fabrizio, l’unico uomo che le permetterà comunque di continuare ad essere sè stessa.

Oggi come nel 1753 l’opera di Goldoni non sembra aver sofferto il passare del tempo e nella moderna trasposizione scenica di Gianstefano Miraglia e degli attori della compagnia “Il Carro di Tespi”, i personaggi continuano a far ridere ma anche a far riflettere .  Se la morale dell’opera sembra concentrarsi in un monito ad uso degli uomini troppo sensibili alla civetteria delle donne,  la caparbia determinazione della bella ed impertinente protagonista, vera antesignana dell’emancipazione femminile, a rimanere comunque padrona del proprio destino, rivela  la benevola simpatia  del grande commediografo veneziano per la sua Mirandolina, come pure l’intento di rinnovare il genere teatrale prestando attenzione al dibattito sulle classi sociali e sull’ascesa della borghesia tipiche dell’Illuminismo, ancora più significativo, forse, proprio perché riferito a personaggi dalla caratterizzazione quotidiana e reale ed a una protagonista che è la quintessenza delle contraddizioni, del fascino e dell’intelligenza femminili.

          Giulia COLLA  2^AR Amministrazione, Finanza e Marketing

20 dicembre 2015

marc - L