Proseguono gli appuntamenti dedicati all’antivivisezionismo organizzati da AgireOra in collaborazione con la Lega abolizione caccia e con il patrocinio della Città di Alessandria.

Giovedì 10 dicembre, in concomitanza con la Giornata internazionale dei diritti animali, è la volta del terzo appuntamento (3 di 4) di “Antivivisezionismo: dalle ragioni etico-scientifiche alle scelte quotidiane”, con la proiezione del film “Maximum tolerated dose”, il documentario sulla sperimentazione animale firmato dal regista Karol Orzechowski, alle ore 21 presso il Museo Etnografico “C’era una volta” di Alessandria, in piazza della Gambarina, ingresso libero.


Il film racconta le storie di esseri umani, e di animali che hanno subìto l’orrore della vivisezione sulla propria pelle, attraverso le testimonianze di tecnici di laboratorio e scienziati, che in seguito a riflessioni di carattere etico sono uscite da quel mondo per raccontare all’esterno cosa vi succede all’interno. Una testimonianza cinematografica che ha suscitato un’accesa discussione all’estero. La “massima dose tollerata” è la dose massima di una sostanza che un animale oggetto di un esperimento può sopportare, oltre la quale muore.

Nel film rappresenta anche la massima dose emotiva che i testimoni di quegli esperimenti hanno sopportato prima di decidere di andarsene e raccontare al mondo l’orrore della vivisezione. Un appuntamento da non perdere per chiunque voglia scoprire il vero volto della sperimentazione animale e capire le ragioni per opporvisi. L’incontro conterrà una sezione sul cosa ognuno di noi può fare nella vita quotidiana per non incrementare la vivisezione.

9 dicembre 2015