La tangenziale di Tortona

La tangenziale di Tortona

Dopo 3 anni di lavori, venerdì 20 novembre sarà inaugurata la Variante di Tortona, un’opera interamente finanziata dalla Regione. L’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco, insieme a SCR, stazione appaltante, al Presidente della Provincia di Alessandria Rita Rossa, al Sindaco di Tortona Massimo Berutti e alle autrità locali, taglieranno il nastro di questa importante infrastruttura destinata a modificare significativamente la viabilità dell’area, con positive ricadute sulla sicurezza stradale e sull’ambiente circostante.

L’intervento, che collega la SP 211 “Della Lomellina” alla SP 10 per Voghera, incrociando la SP 95 per Castelnuovo Scrivia, ha riguardato la realizzazione della variante al centro abitato di Tortona al fine di trasferire quote importanti dei flussi di traffico pesante e di passaggio dall’attuale viabilità interna alla città, insufficiente a gestire utenze dirette e provenienti dalle direttrici regionali, autostradali e di collegamento con le aree industriali e abitative.


L’intervento, che inizia dall’innesto sulla rotatoria attestata sulla SP 211 in prossimità del casello autostradale di Tortona, ha una lunghezza complessiva di 4.425 m per una sezione di 10,50 m e comprende:

  • – un viadotto di 1.130 m a doppio scavalco della A7 in prossimità dello svincolo del casello di Tortona, con struttura mista in acciaio cor-ten e C.A.;
  • – un viadotto di 16 campate in C.A.P., ciascuna di luce 30 m;
  • – un ponte sul torrente Scrivia a 5 campate di luce da 30 a 130 m, con strutture a cassone in C.A.P. post tese;
  • – due rotatorie sulla SP 10 e sulla SP 95, l’una con diametro interno di 40 m, e l’altra, ellittica, con diametri interni di 52 e 82 m;
  • – un sottopasso alla linea ferroviaria Alessandria-Piacenza realizzato con un monolite a spinta;
  • – una serie di attraversamenti idraulici e di interventi di risistemazione della viabilità locale intersecata.
Francesco Balocco

Francesco Balocco

Gli importanti rilevati del viadotto sono stati realizzati mediante terre armate al fine di contenere al massimo il consumo del suolo e minimizzare l’impatto dell’opera sul contesto territoriale esistente.

I lavori, costati complessivamente circa 35,7 mln €, sono iniziati il 26 novembre 2012 e si sono conclusi il 20 luglio 2015 senza che siano accaduti eventi infortunistici di rilievo e senza contenzioso con l’appaltatore.

La procedura espropriativa è stata portata a termine nel corso dell’esecuzione lavori mediante apposito decreto, che ha interessato circa 90 soggetti a cui sono già state liquidate le dovute indennità.

L’opera è stata eseguita dall’Impresa Itinera S.p.A., subentrata alla Cogefa s.p.a. aggiudicataria nel 2010 dell’appalto integrato per la progettazione esecutiva (SI.ME.TE. s.r.l.) e la realizzazione dei lavori, sotto la direzione lavori del raggruppamento temporaneo avente S.I.N.A. S.p.A. come mandataria.

L’accurata gestione del procedimento da parte di S.C.R. Piemonte ha prodotto un risparmio di circa 8 mln € rispetto al finanziamento iniziale. Parte di tale importo (circa 3,5 mln €) verrà impiegata per la messa in sicurezza della rotatoria esistente sulla SP 211, mediante la realizzazione di un sistema di svincolo in uscita dal casello della A7.

“Quest’opera attesa da anni – ha commentato l’assessore Balocco – può finalmente essere consegnata al territorio e, con i risparmi ottenuti, si potranno realizzare ulteriori interventi di collegamento per migliorare la sicurezza stradale”.

19 novembre 2015

Quello che avete appena letto é un comunicato giunto oggi dalla regione Piemonte. Lo abbiamo VOLUTAMENTE pubblicato integralmente per farvi capire quello che scrivono i nostri Politici che non sanno neppure che il sindaco di Tortona é cambiato e non é più massimo Berutti che tralatro é consigliere regionale, carica che se non andiamo errati, é incompatibile con quella di sindaco. Giusto per capire in che mani siamo……