La storia di Gino Bartali, personaggio iconico dello sport italiano, ma anche uomo che, per integrità ed azione, nel 2013 ha meritato il riconoscimento di “Giusto tra le Nazioni”, è stata portata sulla scena del Teatro Civico di Tortona, mercoledì 25 novembre, dai giovani e bravissimi attori della compagnia vicentina “La Piccionaia”.

Le classi 1^AA, 1^AC, 1^BC, 1^AR, 2^AM, 3^BE e 4^AR dell’I.I.S. “Marconi-Carbone” sono intervenute allo spettacolo “La Battaglia dei pedali. Gino Bartali, un ragazzo controvento”, che dà l’avvio alla stagione teatrale per i giovani 2015-2016, un progetto realizzato dal Comune di Tortona in sinergia con l’Assessorato alla Cultura e all’Istruzione, con la Regione Piemonte e con la supervisione artistica dei membri della Coltelleria Einstein.


I ragazzi hanno applaudito con convinzione, scoprendo le vicende ed i segreti di uno sportivo che è stato, anche sotto altri aspetti, “un grande uomo”.  La vicenda del famoso campione di ciclismo, esempio di tenacia, coscienza umana e modestia, è spesso misconosciuta ai più, che ne ricordano le imprese sportive, l’onesta “rivalità” con Fausto Coppi, più “costruita” che vera, il carattere sanguigno, che gli valse il soprannome di “Ginettaccio”, senza sapere che l’uomo Bartali, senza clamore, in sordina e a rischio della propria vita, consentì a molti ebrei, perseguitati dalla follia nazifascista, di salvarsi, di avere ancora un’opportunità nella vita.

La lezione umana di Bartali, la sua esistenza “controvento”, come dice il titolo della pièce, costituiscono un grande insegnamento morale per noi studenti e, come ha ricordato l’Assessore allo Sport Vittoria Colacino in chiusura di spettacolo, un esempio di etica cristallina, che risulta quanto mai attuale e drammaticamente necessaria.

         Giulia LAZZARO,Veronica MAFTEI – 4^AR Amministrazione, Finanza e Marketing

e Alessandro RUHE – 3^B Informatica e Telecomunicazioni

30 novembre 2015