musica qDomenica 25 ottobre alle ore 21 presso la Sala conferenze dell’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria si terrà l’ultimo dei tre appuntamenti della Stagione 2015 “Le dimensioni della Musica”,  organizzati dalla Associazione di Musica e Cultura ”F. Chopin”, con direzione artistica di Caterina Arzani.

La rassegna è stata realizzata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Alessandria; nonché grazie ai numerosi sponsor, che “hanno condiviso con me lo stesso entusiasmo per questo progetto”, come afferma la stessa Caterina Arzani. Si ringrazia inoltre l’Associazione Cultura e Sviluppo ed il Conservatorio di Musica “A. Vivaldi” di Alessandria, per la preziosa collaborazione.


Il terzo interessante appuntamento, dal titolo “Gemme in Musica”, è  una conferenza sulle gemme e pietre preziose che vedrà come protagonista il gemmologo di fama internazionale Professor Luciano Orsini, responsabile del Patrimonio Artistico Vaticano. Interverranno inoltre Claudio Ferrando (gioielliere ed esperto di orologi) ed Asia Uboldi, flautista.

Il programma prevede la trattazione della storia delle gemme, partendo dal diamante e arrivando alle perle, passando attraverso zaffiro, rubino e smeraldo. La conferenza sarà introdotta da un intervento di Claudio Ferrando che,  attraverso il concetto di tempo, ci porterà all’idea di orologio come “gioiello”.

Gli interventi saranno alternati da intermezzi musicali eseguiti al flauto dalla giovane Asia Uboldi, 22enne diplomata al Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria, che proporrà brani quali una Partita di Bach (costruita secondo le regole della Proporzione Aurea, per avvicinarci al rigore della struttura interna delle pietre) e rivisitazioni di arie d’opera, brillanti e virtuosistiche, facendo sì che la Musica diventi, appunto per quest’occasione, una “luminosa sfaccettatura armonica”.

L’evento conclude una serie di incontri che hanno riscosso grande successo di pubblico, il quale ha saputo cogliere ed apprezzare le finalità della Stagione che, come dice il titolo, oltre che “portare la grande musica nei piccoli spazi”, ha permesso alla nostra città di intrecciare relazioni musicali in ambiti nazionali ed internazionali.

24 ottobre 2015