zucca ISono sempre più frequenti le frodi nel settore agroalimentare: di recente hanno fatto notizia i blocchi alle frontiere, dove è emerso come i prodotti esteri vengano importati e marchiati Made in Italy, dando vita così ai dubbi sulla indispensabile necessità del controllo inerente la filiera.
Se notizie del genere sono poco rosee per il settore agroalimentare europeo, a Sale invece i segnali sono ben diversi.
Durante la seduta di Giunta del 28 agosto è stata votata l’iscrizione del primo prodotto agroalimentare nel registro De.Co (Denominazione Comunale d’Origine); si tratta di un marchio a garanzia della provenienza di un prodotto e della serietà dell’azienda produttrice: la “Zucca Martleta di Sale” dell’Azienda Agricola Alberto Garbelli.

Il titolare, conclusi gli studi agrari presso l’istituto Gallini di Voghera, ha preso in mano le redini dell’azienda di famiglia, in un periodo di forte crisi imposto anche dal cambio di colture, succedutosi in seguito alla chiusura dello zuccherificio di Casei Gerola, ha saputo riconvertire le produzioni agricole puntando su prodotti di nicchia: aglio, mais otto file e ceci. Non per ultima, la riscoperta e la coltivazione di una locale varietà di zucca all’apparenza assai resistente, è una pianta molto rustica e rigogliosa con frutti verdi tondi, polpa arancione e gusto delicato.


“L’iscrizione del primo prodotto nel registro De.Co è per noi un segnale incoraggiante e dimostra la vitalità delle aziende agricole presenti sul nostro territorio” afferma l’Assessore all’Agricoltura Maura Gonella. “L’agricoltura italiana oggi deve confrontarsi con mercati esteri particolarmente aggressivi che fanno loro punto di forza la quantità, a cui spesso è associata una mediocre qualità ed un basso costo. L’unico modo che hanno le nostre aziende per sopravvivere è di investire sulla qualità e la ricercatezza dei prodotti. Le eccellenze del territorio salese sono il futuro delle nostre aziende”.
La De.Co della “Zucca Martleta di Sale” sarà presentata ufficialmente durante la festa dell’agricoltura ” C’erano una volta… E ci sono ancora” il prossimo 20 settembre.

8 settembre 2015