terzo valico - ISulla salute dei lavoratori e dei cittadini non si possono fare né sconti né giochi. Questo principio precede qualsivoglia valutazione circa l’utilità di un’opera pubblica, e vale perciò anche nel caso del Terzo Valico.

Da qui l’interrogazione urgente che i senatori del Partito Democratico, Daniele Borioli, Federico Fornaro e Massimo Caleo hanno presentato ai Ministri dell’ambiente e dei lavori pubblici, in merito alle notizie emerse la settimana scorsa circa la presenza di amianto rilevata presso il cantiere di Cravasco, in provincia di Genova.


In particolare, negli articoli apparsi su alcuni importanti organi di informazione, si fa esplicito riferimento a possibili violazioni dei protocolli di sicurezza previsti per la realizzazione delle opere e, in particolare, per lo stoccaggio e lo smaltimento dei materiali di scavo.

“Su questi aspetti non si possono  accettare approssimazioni ed errori, ma va tenuto il massimo rigore – afferma il Senatore Borioli. Se le notizie diffuse fossero confermate, ci troveremmo di fronte a inadempienze gravi e inaccettabili. Non ho mutato la mia opinione circa l’utilità dell’opera, ma neppure sull’intransigenza necessaria affinché essa sia realizzata nel rispetto delle legalità e della trasparenza, nonché di tutte le misure che la legge dispone per la salute dei lavoratori e dei cittadini, e per la protezione dell’ambiente”

27 settembre 2015