Barletta

Barletta

Per riuscire a vedere le bellezze dell’Italia meridionale in cinque giorni (tassativamente vietato scegliere luglio e agosto per l’eccessivo caldo e i prezzi alle stelle) è necessario partire dalla provincia di Alessandria più presto possibile e comunque non più tardi delle 5 del mattino. Meglio se prima ancora. Il viaggio è tutto in autostrada fino a Bologna e poi sull’Adriatica fino a Barletta (uscita Canosa di Puglia). Con le dovute soste (minimo 3 compreso quella per il pranzo in autogrill) si arriva a Barletta intorno alle 14.

Barletta è una città grande quasi come Alessandria, ma il centro storico è piccolo e si può visitare in un paio d’ore. Da vedere il Colosso, una grande statua alta oltre 5 metri posta sul marciapiede in una via molto trafficata, il Duomo, il castello sul mare e le vie del centro storico che portano alla piazza della famosa sfida. Anche se è la temperatura non è ideale le vie strette e spesso all’ombra consentono una visita abbastanza agevole.


A mezz’ora di strada da Barletta si trova Castel del Monte, forse l’unico castello al mondo in stile ottagonale con 8 torri pure ottagonali.

E’ situato sulla sommità di una collina e domina tutta la pianura. Lo si avvista appena lasciata Barletta a Nord. Trovare la strada che porta a Castel del Monte è facile, basta seguire i cartelli, ma attenzione perché se attraversate il centro urbano (quello storico di Barletta è vicino al mare, ma quello più moderno è a nord vi ritroverete la linea ferroviaria e il passaggio a livello che taglia esattamente in due la città. Anche questa è una particolarità di Barletta.

Dopo circa mezz’ora di auto arrivate a Castel del Monte: lasciate la macchina nel grande parcheggio e prendete la navetta che vi porterà a poche decine di metri da Castello.

Ciò che colpisce di questa imponente struttura è che si staglia verso il cielo e domina un’immensa pianura che si perde a vista d’occhio.

Lecce, piazza Duomo

Lecce, piazza Duomo

E’ forse uno dei castelli più singolari al mondo, ma ciò che colpisce oltre alla sua imponenza è il silenzio. Noi siamo arrivati in un giorno feriale e malgrado i turisti attorno regnava una pace immersa di u superbo panorama.

Prendetevi tutto il tempo che volete perché quello che state visitando è sicuramente una delle cose più belle dell’Italia meridionale.

Calcolate però ancora due ore e abbonanti di viaggio (stavolta senza soste) perché la prossima tappa dove pernotterete sarà Lecce.

Si imbocca l’autostrada ad Anuria e si va fino a Bari, poi superstrada fino a Lecce.

Come fare a pernottare? Semplice: si consulta uno dei tanti siti internet che presentano offerte di pernottamenti, ma anziché prenotare tramite internet (volendo lo potete anche fare però) si chiama direttamente l’hotel si dice che avete visto l’offerta e che volete prenotare a quel prezzo. Noi abbiamo trovato un B&B a 50 euro a camera doppia compresa prima colazione. Cento euro in tutto e nel centro di Lecce. I B&B nel cuore della città sono talmente numerosi che non avrete alcun problema a trovare alloggio, infatti molti hanno trasformato appartamenti del centro in strutture alberghiere con bagni in ogni camera.

Siamo arrivati a Lecce alle 20,30 parcheggiato (a pagamento) vicino al centro storico (il cuore della città è isola pedonale) preso la stanza e cenato in un ristorante tipico del centro con specialità locali a prezzo accessibile.

Dopo cena assolutamente da non perdere una passeggiata per le vie del centro per vedere piazza Duomo illuminata con luci soffuse, tanta gente e soprattutto tantissimi giovani. Lecce è una città molto viva.

3 agosto 2015

Barletta interno della cattedrale

Barletta interno della cattedrale

Barletta 2L

Barletta il castello

Barletta L

Barletta nei pressi del colosso

Castel del Monte

Castel del Monte

Castel del Monte al Tramonto

Castel del Monte al Tramonto

La barocca piazza Duomo

La barocca piazza Duomo di Lecce

Lecce il duomo e palazzo vescovile

Lecce il duomo e palazzo vescovile

 

 

Lecce altro scorcio di piazza Duomo

Lecce altro scorcio di piazza Duomo