museo casale -INel fine settimana di Ferragosto Casale Monferrato è pronta ad accogliere turisti e visitatori, o gli stessi cittadini, che vorranno trascorrere una giornata tra le bellezze artistiche, culturali e architettoniche della città.

«Ferragosto sarà un’occasione per scoprire, o riscoprire, il patrimonio casalese – ha sottolineato l’assessore al Turismo Daria Carmiattraverso alcuni dei più significativi luoghi della città. Ma anche un’opportunità per ammirare mostre uniche nel loro genere, che in questi primi mesi di apertura stanno riscuotendo un ottimo successo di pubblico e di critica: l’esposizione dei lumi di Chanukkà, il percorso tra il nostro paesaggio delle Doc Patrimonio dell’Unesco e l’interessante binomio Egitto – Monferrato, aperte gratuitamente al Castello del Monferrato».


Come da tradizione il Museo Civico di via Cavour 5 resterà aperto con il normale orario dalle ore 10,30 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 18,30: nelle ricche sale dell’ex convento di Santa Croce si potranno ammirare le circa 250 opere tra dipinti, sculture e ceramiche della Pinacoteca e gli splendidi gessi del grande scultore casalese Leonardo Bistolfi dell’omonima Gipsoteca.

Il costo dell’ingresso al Museo Civico è di 4,00 euro (intero), 2,50 euro (ridotto), gratuito Abbonamento Musei e tessera MoMu.

Tra le bellezze architettoniche della città, sarà possibile visitare la Cattedrale di Sant’Evasio (piazza Angrisani) dalle ore 9,00 alle ore 19,00 (tranne durante le funzioni, previste per le ore 10,30, 12,00 e 17,00) e la chiesa di Santa Caterina (piazza Castello) dalle ore 9,30 alle ore 19,30.

Anche le mostre allestite al Castello del Monferrato saranno tutte visitabili gratuitamente durante la giornata con orario continuato dalle ore 10,00 alle ore 19,00:

I lumi di Chanukkà

Il Comune di Casale Monferrato, la Fondazione Arte, Storia e Cultura Ebraica a Casale Monferrato e nel Piemonte Orientale e la Comunità Ebraica presentano la Collezione dei 172 Lumi di Chanukkà (realizzati da artisti di livello mondiale), esposta per la prima volta integralmente. Un patrimonio artistico di grande rilievo legato alla storia del design e alla cultura ebraica casalese.

 

DiVino, Le antiche terre dell’Egitto e del Monferrato, regni della cultura del vino

Il Comune di Casale Monferrato e l’Associazione Culturale Mummy Project presentano la mostra a cura di Sabina Malgora, che valorizza, tramite il tema del vino, il legame tra la cultura egizia e il Monferrato.

 

Un Monferrato DOC, Patrimonio dell’Umanità Unesco

Mostra sulla storia della DOC con approfondimenti sulla tutela e origine dei prodotti anche nella contemporaneità, libri storici, fotografie e documenti digitalizzati resi fruibili per appassionati e ricercatori.

 

Al Castello del Monferrato saranno inoltre visitabili, sempre a ingresso gratuito, le mostre Paesaggi vitivinicoli Unesco europei (aperta fino al 27 settembre), esposizione fotografica a cura dell’Associazione per il Patrimonio Paesaggi Vitivinicoli Langhe-Roero e Monferrato, e Don Bosco in Monferrato (fino al 30 agosto), che celebra il bicentenario della nascita del santo.

 

«Ringraziamo tutti coloro che quotidianamente lavorano perché le bellezze della città siano accessibili – ha concluso l’assessore Daria Carmi, ben sapendo che questo sforzo il 15 di agosto è particolarmente gravoso, ma anche che essere una città turistica significa fornire servizi senza sottrarsi a queste date cardine. Invito tutti i bar e ristoranti che saranno aperti in questo fine settimana a comunicarlo al chiosco Iat, l’ufficio turistico di piazza Castello, per poter rispondere al meglio alle esigenze dei turisti».

14 agosto 2015