polizia QVenerdì pomeriggio la Polizia di Stato di Alessandria ha arrestato tre persone responsabili del reato di tentato furto aggravato.

Si tratta di H.A., 18 anni, H.D., 20 anni e A.R., 23 anni, tutti residenti ad Asti.


Intorno alle 13.30 di ieri, due Volanti della Questura sono intervenute in Spalto Gamondio su segnalazione di un cittadino di 62 anni, residente in città, che, dopo aver assistito ad un tentativo di furto presso un box del proprio condominio sito presso il quartiere “Cristo”, si era posto all’inseguimento del furgone a bordo del quale si erano allontanati i responsabili.

Gli operatori sono riusciti, anche grazie alla collaborazione fornita dal richiedente, ad intercettare il mezzo in questione e a fermare i tre occupanti.

Questi ultimi sono apparsi subito molto agitati ed hanno fornito versioni contrastanti circa il motivo della loro presenza in loco, asserendo, infine, di non essere soddisfatti del servizio sanitario fornito dalla loro provincia di residenza e di essersi recati ad Alessandria per rivolgersi al Pronto Soccorso del locale ospedale.

I tre giovani sono stati accompagnati in Questura per i rilievi foto dattiloscopici a seguito dei quali sono emersi, a carico di tutti, numerosi pregiudizi polizia per reati contro il patrimonio, quali il furto in abitazione, il furto con destrezza, la ricettazione e il porto di arnesi atti allo scasso.

Successivamente gli operatori hanno preso contatti con il 62enne il quale ha riferito che, mentre si stava recando, a bordo della propria auto, presso i box del condominio, aveva notato due persone che stavano armeggiando sulla porta basculante di uno di questi.

I due, dei quali il richiedente è riuscito a fornire una descrizione piuttosto dettagliata, allarmati dalla presenza dell’auto, avevano interrotto l’azione e si erano allontanati a bordo del furgone in questione alla cui guida vi era una terza persona.

Accortosi che una delle porte in lamiera dei box era stata divelta verso l’esterno, con evidenti danni anche alla struttura, e ormai sicuro che i tre uomini avessero tentato un furto nel garage condominiale, il cittadino, senza perdere tempo, si era posto al loro inseguimento.

In considerazione della presenza di evidenti impronte di mani e dita, presumibilmente riconducibile all’azione dei tre malviventi, sono stati eseguiti, dal personale del Gabinetto di Polizia Scientifica, i rilievi tecnici e fotografici del caso.

Convocato in Questura per l’identificazione fotografica dei responsabili, il cittadino ha riconosciuto senza ombra di dubbio i due uomini sorpresi vicino al box.

Questi, unitamente all’autista del furgone, sono stati immediatamente arrestati e condotti presso le locali camere di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo, a seguito del quale, per tutti,  è stato convalidato l’arresto con l’obbligo di dimora nel comune di Asti e disposto il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio.

Preme sottolineare quanto siano state fondamentali, in questo caso, l’intraprendenza e la collaborazione del cittadino in questione, grazie al quale i tre malviventi sono stati assicurati alla giustizia.

Si invitano, pertanto, i cittadini, qualora assistano ad episodi simili o qualora abbiano il sospetto che stia succedendo qualcosa di “anomalo”, a rivolgersi immediatamente alle forze dell’Ordine, contattando il “112” o “113” per segnalare quanto di cui siano a conoscenza, al fine di consentirne un tempestivo intervento.

29 agosto 2015