sant - QVenerdì 3 luglio, il nostro Santuario ha accolto un numeroso pellegrinaggio di ben 300 persone, della diocesi di Vittorio Veneto, di ritorno da Lourdes. Il pellegrinaggio era guidato dal loro vescovo diocesano S.E. Mons. Corrado Pizziolo e da alcuni sacerdoti. I pellegrini giunti in Santuario hanno partecipato alla Santa Messa ed al termine il rettore ha espresso parole di ringraziamento per la loro visita a questa Basilica. “Ringrazio di cuore Sua Eccellenza e tutti voi pellegrini, ha detto don Renzo, e voglio ricordare un episodio avvenuto proprio in questo Santuario considerando che provenite dal veneto dalla provincia di Treviso.

Il nostro chierico Brunello, originario di Quinto di Treviso durante la costruzione del Santuario cadde dalle impalcature e rimase illeso. Egli stesso disse aver sentito come due angeli sotto di lui che lo sostenevano”. Al termine il gruppo si è recato nel salone del Centro “Mater Dei” per il pranzo. Prima della partenza per il ritorno a casa, il vescovo Corrado ed il responsabile sig. Andrea si sono recati dalla direttrice del Centro “Mater Dei” la sig.ra Francesca Boveri, per esprimere parole di plauso per l’organizzazione di questo pellegrinaggio, anche se breve ma molto bello e significativo. “Sarà la prima di altre volte, hanno commentato gli organizzatori, perché abbiamo respirato un aria di famigliarità fin dai primi contatti organizzativi per arrivare a questo giorno. Un luogo che prima di tutto ha potuto accogliere con i suoi numerosi servizi, non solo i semplici pellegrini ma anche due pullman di persone con gravi difficoltà motorie e non solo. La Santa Messa, proprio vicino all’urna del Santo Luigi Orione, è stata motivo di grazia per tutti noi ed il pranzo veramente gradito non solo per la qualità ma il servizio della cucina e dei volontari. Siete una bella realtà, una realtà che vive il carisma del vostro Fondatore in modo del tutto concreto e senza protagonismi”. Queste risonanze rafforzano sempre di più lo spirito di servizio che si vuole donare ai pellegrini e a coloro che giungono in questo luogo santo. Questo è il Santuario ed il Centro “Mater Dei”: centro e cuore della Congregazione che vuole manifestare con il servizio, la gioia di donarsi agli altri. Radicati nell’amore e dall’esempio di san Luigi Orione, chiediamo a lui che davvero possa sempre essere gioioso lavorare o meglio compiere questa “missione” come tanti dipendenti la definiscono.


Fabio Mogni 

3 luglio 2015

sant - L