tangenziale 2IQuesta mattina, venerdì, presso la Provincia di Alessandria si è svolta la prima seduta di Conferenza di Servizi relativa alla modifica del tracciato per la nuova tangenziale ce allungherebbe il percorso con una spesa di 3 milioni di euro, invece che immettersi direttamente sulla rotonda,

Il progetto proposto dall’ Agenzia regionale che si occupa della realizzazione della rotonda (Ares) prevede, in variante al Piano Regolatore, la realizzazione di una nuova rotatoria all’incrocio tra la ex statale 211e strada Cabannoni, collegata tramite l’ampliamento della stessa 211 alla rotatoria attuale, comprensiva di una strada bianca con la funzione, a sua volta, di collegamento e accesso ai terreni agricoli ivi esistenti.


La Giunta Comunale di Tortona già nella seduta del 26 marzo 2015, aveva manifestato l’esigenza che il progetto dovesse consentire ai veicoli provenienti dalla Variante Esterna di immettersi sulla ex Statale 211 in direzione Sale senza avere prima l’obbligo di percorrere la nuova rotatoria in previsione in corrispondenza del centro commerciale Conforama.

Il Sindaco Gianluca Bardone, presente questa mattina alla Conferenza dei Servizi in rappresentanza del Comune di Tortona, ha confermato le perplessità già manifestate dalla Giunta Comunale anticipando che ulteriori valutazioni verranno effettuate dall’Amministrazione Comunale, anche attraverso i propri organismi, preliminarmente alla prossima seduta di Conferenza dei Servizi ai fini dell’espressione di un parere definitivo che dovrà tenere conto della necessità di attuare gli interventi occorrenti ai fini della sicurezza della viabilità, ma anche del buon senso e dell’economicità.

“Nel corso della Conferenza dei Servizi – ha dichiarato il Sindaco Bardone – ho chiesto ragione del fatto che a distanza di solo un mese dalla conclusione della tangenziale, progetto che è almeno da 10 anni in fase di realizzazione, venga proposta un’opera aggiuntiva, per motivi viabilistici, che inevitabilmente ne procrastinerebbe di mesi l’utilizzo. Ho pertanto chiesto di conoscere se vi siano alternative tecnicamente realizzabili anche per agevolare coloro che uscendo dalla tangenziale sono diretti verso la Passalacqua e Sale”.

29 maggio 2015