rossa EEgregio Direttore,

Apprendiamo da alcuni organi di stampa della proposta di costruire un parco safari nel vecchio forte Bormida.


Con rammarico constatiamo la mancanza di sensibilità di codesta giunta per il benessere animale prendendo in considerazione una proposta così allucinante, quale voler  tener rinchiusi specie animali, magari nemmeno autoctone e abituati ad altri climi,in gabbie a recinzioni.

Ovunque si tende a combattere questo tipo di parchi e noi come associazioni per la protezione e il benessere animale AgireOra, Il Sogno di Romeo, Lac, Lav,Leal, Raccolta Alimentare per gli animali eOipa dichiariamo fin da ora che ci opporremo con tutte le forze,comprese quelle legali,alla realizzazione di questo progetto che vanificherebbe il lavoro di sensibilizzazione nei confronti della popolazione intrapreso in tutti questi anni.

Crediamo inoltre che progetti didattici volti al rispetto della natura e alla conoscenze dell’ecosistema che ci circonda possano influenzare in maniera sicuramente più costruttiva le generazioni future, infondendo loro le basi necessarie  per salvaguardare meglio delle generazioni passate quello che rimane del nostro martoriato pianeta.

Diffidiamo,quindi, fin da ora il Sindaco,il Presidente del Consiglio e la giunta nel proseguire con un progetto simile e li invitiamo ad intraprendere decisioni che vadano verso la tutela e il welfare animale e non allo sfruttamento di esseri senzienti rinchiusi a vita in recinti per il divertimento dei visitatori.

Stefano Bovone – Delegato L.A.C. per la Provincia di Alessandria

14 maggio 2015