carabinieri QI Carabinieri di Alessandria hanno denunciato per lesioni personali aggravate e minaccia un cittadino italiano di 22 anni. Un uomo di 50 anni, nella serata del 10 marzo, chiedeva l’intervento dei carabinieri in via Monterotondo perché riferiva di essere stato aggredito da due persone che si erano inizialmente rivolte a lui con l’intenzione di chiedere un’informazione. I due poi lo avevano aggredito con violenza e apparentemente senza alcun motivo, procurandogli la frattura delle ossa nasali e contusioni varie con una prognosi di 25 giorni di cure.

Interveniva sul posto una gazzella del radiomobile che effettuava il primo intervento unitamente al personale del 118 e cominciava a sentire alcuni testimoni.


Qualche giorno dopo la vittima dell’aggressione si portava nuovamente in caserma denunciando di avere visto uno dei due aggressori all’interno di un bar e quest’ultimo, accortosi di essere stato riconosciuto dall’aggredito, mimava con la mano il gesto di tagliargli la gola.

La stessa vittima, a inizio aprile, sempre nello stesso bar, incontrava di nuovo uno dei due aggressori che era anche il giovane che lo aveva successivamente minacciato, e questa volta chiamava il 112 chiedendo l’intervento di una pattuglia che, giunta rapidamente sul posto, identificava l’autore dei reati nel 22enne.

Considerato che l’uomo lo aveva riconosciuto e che le testimonianze precedenti fornivano indicazioni circostanziate che venivano riscontrate, il giovane veniva così denunciato all’Autorità Giudiziaria per lesioni personali aggravate e minacce.

 9 aprile 2015