Patrizia Poliotto

Patrizia Poliotto

Molteplici aziende operanti nel settore delle telecomunicazioni affidano la propria immagine e credibilità a imponenti campagne massmediatiche e a testimonial famosi (tutti costi che gravano in bolletta sugli utenti finali), vantandosi, o meglio, facendo spesso credere in tal modo di essere “dalla parte del cliente”.

Il che, a primo avviso, equivarrebbe a dire tutela del risparmio, garanzia della bontà e qualità del servizio offerto, rispetto delle norme sulla trasparenza e dell’etica professionale e legale in materia previste dal Codice del Consumo, e così via.

Purtroppo, a ben guardare le cose stanno in altro modo: le cronache e gli organi di informazione, con cadenza ricorrente, raccontano spesso di realtà problematiche, ben lontane dall’utopico idillio di cui sopra, ove a farne le spese sono sempre, alla fine, i soliti: i consumatori.

Ma v’è sempre, anche nel caso di specie, l’eccezione che conferma la regola: Digital Broker Spa, per dare un segnale forte al mercato – che merita ancora più attenzione e rispetto, specialmente in tempi duri quali quelli in atto, data la crisi – ed evidenziarsi rispetto ai propri competitor spesso oggetto di contese legali e mediatiche, ha scelto di aderire al progetto “Consumer Friendly” dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 a oggi la prima, più antica e autorevole associazione consumeristica italiana”, Ovvero, Digital Broker Spa ha deciso di sottoporsi professionalmente, sotto il profilo procedurale e contrattuale, a un’attenta e rigorosa analisi da parte dei legali del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, fondato e presieduto dall’Avvocato Patrizia Polliotto, che hanno attuato tutte le verifiche del caso, e apportato alcuni miglioramenti in termini di clausole alla modulistica riservata ai consumatori, al fine di rendere Digital Broker Spa un soggetto commerciale ancor più affidabile e sicuro sotto il profilo di dialogo corretto, trasparente, serio ed equilibrato con l’utenza.

Relativamente alla propria offerta, Digital Broker Spa è sempre stata un passo avanti alla concorrenza: tutto il proprio core business si sviluppa a partire dalle esigenze dei propri stakeholders (ovvero, tutti coloro i quali hanno relazioni con una determinata attività di business), in particolare proprio i clienti. Dallo sviluppo strategico all’introduzione di nuovi servizi, dallo stanziamento del budget alla definizione dei processi, ogni aspetto produttivo è pensato sin dal principio della filiera in relazione al benefit reale che il cliente finale può ottenere.

“L’impegno in termini di collaborazione attiva e fattiva con l’Unione Nazionale Consumatori – grazie all’apporto determinante e la guida illuminata dell’Avvocato Patrizia Polliotto e della sua équipe di validi professionisti esperti in diritto consumeristico che ha seguito ogni passo del processo di revisione e verifica – è stato rilevante – dichiara soddisfatto l’Ing. Cristiano Bilucaglia, Presidente dell’Azienda – ma imprescindibile per migliorare in quest’ambito, decidendo con entusiasmo di intraprendere un percorso nuovo fatto di trasparenza e tranquillità al 100% per chi sceglie Digital Broker Spa quale partner privilegiato per le proprie esigenze di telecomunicazione”.

Conclude l’Avvocato Polliotto: “E’ stato un lavoro meticoloso, durato mesi: la revisione dei contratti di una Spa attiva a livello nazionale, con un portfolio clienti ampio tanto quanto i servizi e prodotti offerti, richiede un’attenzione particolare. Abbiamo riformulato i contratti ove necessario, e apportato laddove utile tutta una serie di migliorie in termini legali che agevolano il dialogo reale e paritario con il consumatore, dotando l’Azienda di un efficace strumento di tutela in termini di prevenzione del contenzioso, con un notevole risparmio su tal versante”, spiega il noto legale.

Unione Nazionale Consumatori del Piemonte

26 gennaio 2015