soldini pier angelo - ILa Biblioteca comunale di Castelnuovo Scrivia – intitolata proprio allo scrittore Soldini fin dal 1976 – ricorderà sabato 17 maggio l’illustre personaggio con una giornata di studio che si svolgerà in Sala Pessini dalle 16 alle 18. Interverranno, con una serie di riflessioni e letture, i seguenti professori: Valeria BORSA (giovane e brava docente tortonese, ma di origini castelnovesi); Gianluigi FERRARIS (noto docente alessandrino); Lorenza DAGLIA (che è la dirigente dell’Istituto comprensivo castelnovese, uno dei più grandi del tortonese); Cristina PELLETTA (giovane docente castelnovese, che aveva già predisposto per il Comune gli indici della nuova edizione dei tre Diari di Soldini pubblicata a cura della Biblioteca per l’importante Casa editrice “Interlinea”); Laura SAVARINO (nota redattrice dell’importante Rivista di letteratura e recensioni “L’Indice dei libri del mese”) e Roberto Carlo DELCONTE (presidente della Biblioteca castelnovese ed apprezzato autore di importanti studi sulla figura dello scrittore). Un secondo momento – per onorare la figura di Soldini – sarà il Concerto che si terrà nello stesso giorno alle ore 21.30 presso la Chiesa parrocchiale, offerto dal Lions Club “Castelnuovo Scrivia – Matteo Bandello” (intitolato dunque all’altro famosissimo scrittore castelnovese). Per l’occasione suonerà il prestigioso organo della Parrocchia il maestro Luca FERRARI, organista presso la Cattedrale di Genova. Una simpatica idea del Lions Club sarà poi quella di proporre, per la serata del Concerto, una offerta libera per acquisto libri da donare alla stessa Biblioteca.

Grazie, infine, alla generosa disponibilità della “Degustazione Pasquali” verrà offerto il coffee break ai partecipanti al Convegno nel pomeriggio; mentre ai relatori verrà offerta una cena presso il noto Ristorante “Manuela” di Isola.


Lo scrittore Soldini – nato a Castelnuovo Scrivia il 25 maggio 1910 e morto a Volpedo il 12 luglio 1974, nella sua casa di vacanza – ha vissuto a lungo a Milano, ove si affermò come apprezzato giornalista e competente critico d’arte. Parallelamente a tali attività ha scritto dodici libri, tra cui il suo capolavoro: la trilogia diaristica “Il cavallo di Caligola”, “La forma della foglia” e “Il giardino di Montaigne” (uscito postumo in Svizzera, nella prima edizione, nel 1975). Certamente l’opera soldiniana merita grande attenzione, se riflettiamo sul fatto che Salvatore Quasimodo (premio Nobel per la letteratura nel 1959) ha potuto scrivere che: “Pier Angelo Soldini ha un linguaggio chiaro, non solo della prosa, ma anche del pensiero” …. La sua opera “non si potrebbe chiamare romanzo alla maniera dell’analisi decadente o proustiana, forse si avvicina di più alle pagine di Pascal o di Stendhal …. Lo scrittore ci abitua alla sua figura come a un personaggio e il colloquio con il lettore si fa così particolare da farci pensare ai poeti latini e alle loro conversazioni così dense di intelligenza e di buon senso”. Ricordiamo, inoltre, che Soldini vinse nel 1957 il prestigioso Premio Bagutta (che è uno dei più antichi premi letterari italiani, vinto, ad esempio, da personaggi come Gadda, Brancati, Montanelli, Calvino o Cassola).

Nel corso del Convegno il presidente della Biblioteca Delconte presenterà al pubblico una significativa iniziativa di studio: vale a dire la raccolta, presso il Centro Studi Matteo Bandello, di circa sessanta volumi dedicati alla “diaristica” europea, proprio per coltivare il “genere” letterario prediletto da Soldini. In questo modo sarà presente a Castelnuovo una sezione specializzata di grandi “diari” praticamente unica in Italia, che permetterà di confrontare l’opera di Soldini con alcuni tra i migliori scrittori italiani ed europei, offrendo così materiale utile per tesi di laurea e ricerche. La bella libreria, invece, che ospiterà tale sezione è stata donata al Comune – con grande sensibilità e generosità – dal Rotary Club di Tortona.

 16 maggio 2014