Tortona, 23 aprile 2014: sarà ricordato a lungo il dibattito coi cinque candidati sindaci che si è svolto alla sala Polifunzionale della ex caserma Passalacqua.

Tanti gli spunti in una serata cha ha registrato il tutto esaurito con gente in piedi, malgrado la concorrenza a poche decine di metri della partita di basket del Derthona, di Real Madrid – Bayern in Tv e della “prima” del film “Spiderman il potere di elettro”.


I tortonesi che generalmente non amano uscire la sera hanno risposto in massa al primo e probabilmente unico confronto pubblico dal vivo tra Gianluca Bardone, Giuseppe Bottazzi, Danilo Bottiroli, Fabio Morreale e Stefanella Ravazzi.

Cinque candidati tutti molto preparati con un livello qualitativo elevato che non si sono fatti intimorire dalle domande a bruciapelo.

Alla fine, seduti davanti al pubblico ognuno quando non parlava per primo ha adottato il sistema che riteneva più opportuno per prepararsi la risposta: chi prendeva appunti sul block notes, chi consultava l’I-pad e chi invece si preparava mentalmente la risposta.

Libertà anche nel dare le risposte: chi si alzava sempre in piedi, chi ogni tanto e chi invece è rimasto seduto.

Cinque erano le domande: 4 uguali per tutti e una personalizzata.

Non stiamo a raccontarvi quasi due ore di dibattito: però riportiamo le domande “personalizzate” e un po’ pepate che abbiamo rivolto ad ogni singolo candidato solo per farvi capire quanto sia stato interessante il dibattito.

 

DOMANDA A GIANLUCA BARDONE

Il vostro slogan è: “Bardone uno di noi”.

Gli avversari però dicono che tu sei l’unico dei 5 candidati ad avere un portavoce.

La critica è: “Come si fa a definirsi uno della gente se si affidano le dichiarazioni a un portavoce?”

 

DOMANDA A GIUSEPPE BOTTAZZI

Il vostro slogan è: “Scegli il nuovo”

Gli avversari però dicono: “Come si fa a considerare nuovo uno che ha 62 anni e che, con lui, ha gli stessi politici che hanno governato la città  negli ultimi anni?

 

DOMANDA A DANILO BOTTIROLI

Il vostro slogan è “Mandiamoli a casa”

Gli avversari, però, contestano alcuni vostri interventi su internet che denoterebbero molta incompetenza.

Tra questi:

1 – La gaffe di indicare un Direttore generale del Comune quando Tortona non può averne per legge

2 – che elogiate il sindaco di Parma Perché pubblica all’Albo Pretorio tutte le delibere .Quando questo succede a Tortona e in tutti i Comuni d’Italia.

Vi sentite sufficientemente competenti per amministrare Tortona?

 

DOMANDA A FABIO MORREALE

Il vostro slogan è: “Nuova Tortona – Il cambiamento” con un programma che punta soprattutto sui giovani.

Gli avversari però dicono che Tortona non ha bisogno di Dj e “Notti Bianche” perché i giovani, a Tortona sono molto meno degli anziani.

Cosa rispondi a queste critiche?

 

DOMANDA A STEFANELLA RAVAZZI

in una recente intervista lei ha dichiarato:

“Ci opponiamo a tutto quello che va a prevaricare sul Pubblico e dà spazio al privato. Noi immaginiamo un modello di sviluppo sostenibile senza le grandi infrastrutture che peraltro ci sono già. Il Terzo Valico non porta lavoro, e siamo contro la Logistica, contro la nuova tangenziale e ovviamente contro il Terzo Valico. Le infrastrutture non portano più lavoro. Il lavoro c’è già.”

Gli avversari però la reputano una posizione anacronistica.

Come si può governare un Comune con queste idee?

24 aprile 2014

1

2

3

4

 

5

6

7 BOTTAZZI

8

9

10

11

12

13