Si è costituita Lunedì 4 Marzo ‘l’Associazione “MADE IN VALENZA”. Dopo la riuscitissima serata del 14 Dicembre, organizzata da un gruppo di valenzani in modo spontaneo, con oltre 200 persone presenti al Centro San Rocco, nella quale molti cittadini hanno presentato e discusso progetti ed iniziative per il rilancio economico della città in questa difficile situazione di crisi, sono proseguite le riunioni che hanno quindi portato alla costituzione di un’associazione di promozione sociale, unica a Valenza. Gli scopi e le finalità di questo sodalizio, senza scopo di lucro ed apartitico, sono chiari: “Made in Valenza” pone al centro della sua attenzione la Città.

Antonella Salera

Antonella Salera

“Ogni comunità – dice la presidente Antonella Salera – dovrebbe riuscire a valorizzare tutti i propri capitali, ad iniziare da quello più prezioso: il capitale umano. Se questo non avviene, a perdere valore non è solo il singolo capitale ma tutto il territorio dove si trova questo bene prezioso, a prescindere se sia materiale o immateriale, in quanto la mancata valorizzazione non consente alla comunità locale di sfruttarne i benefici. Per questo “Made in Valenza” vuole mettere insieme le competenze dei cittadini a favore della città. Valenza possiede tutte le caratteristiche, sociali e culturali, per divenire luogo attrattivo nel quale le sue specificità, a partire dalla storica tradizione orafa, unita a quelle artigianali, artistiche, ambientali ed enogastronomiche possono essere messe in evidenza.”


Le attività dell’Associazione avranno quindi come obiettivo primario quello di svolgere opera di studio e analisi, valorizzare, portare a conoscenza, promuovere e sviluppare ciò che ha fatto e fa di Valenza una città conosciuta ed apprezzata.

I principali settori di discussione e di progettazione eventi sono quelli dello sviluppo e dell’accoglienza turistica, legata alla valorizzazione dei luoghi di interesse storico/artistico, ambientale, della creatività valenzana che si manifesta attraverso la vita associativa ma anche di singoli che seppure dotati di talento non riescono a farsi conoscere nel proprio territorio.

Strettamente connesso a questo filone di dibattito è l’analisi e la progettazione di interventi a favore della piccola impresa orafa artigianale, dei problemi dei contoterzisti e della difficoltà di riunire le proprie forze per superare insieme la crisi del settore.

“Ma non solo – aggiunge la presidente – una città non risorge se non sono coinvolte tutte le presenze che operano all’interno di essa: gli esercenti dei negozi, le scuole, le fabbriche e tutte le associazioni. Si deve lavorare insieme perché l’obbiettivo è unico: muovere la città nel suo insieme. Bisogna comprendere che non succederà mai che un solo singolo commerciante o artigiano si potrà arricchire se la città intorno a lui muore di inedia.”

“Made in Valenza” intende ora aprire il confronto con gli organismi scolastici, le realtà commerciali, le associazioni di volontariato che operano nei settori dell’assistenza sociale, dello sport, della cultura.

“L’obiettivo – conclude Antonella Salera – è quello di organizzare eventi ed iniziative che sappiano raccogliere le specificità valenzane e presentarle ad un pubblico più vasto, creando motivi di interesse per conoscere, visitare ed apprezzare la nostra città, favorendone il rilancio commerciale, culturale e sociale. “ Abbiamo già in progetto un evento che vede coinvolta l’intera città legata ad un’esposizione degli oggetti preziosi dei nostri artigiani orafi associati. Chiederemo la partecipazione dell’Amministrazione comunale e di chi vorrà partecipare” I luoghi di discussione predisposti saranno quelli del sito internet www.madeinvalenza.it e dell’omonimo gruppo Facebook, all’interno dei quali sono presenti spazi di intervento sui temi che interessano i nostri concittadini ma con la possibilità offerta alle associazioni ed ai privati di far conoscere le proprie attività. Cerchiamo la collaborazione di tutti e tutti sono ben accolti se intenderanno far parte di questo progetto di promozione della nostra città. Ci aspettiamo numerose adesioni da parte dei valenzani che nei momenti difficili hanno dimostrato sempre capacità di aggregazione e di condivisione. Per far parte dell’Associazione basta contattarci tramite il gruppo facebook oppure inviando una email all’indirizzo di posta elettronica: info@madeinvalenza.it.”

 6 marzo 2013