Il Partito Democratico solleva la quastione della mancata vendita delle Reti del gas acquistate dalla ditta Ariet di Voghera, che però non ha concluso la vendita evitando di formalizzare il contratto di vendita e di versare i 3 milioni 660 mila euro dell’offerta di acquisto.

I tre consiglieri comunali del PD, infatti, visto che il Comune detiene il 94% delle azioni di ATM, proprietaria delle reti del gas, hanno depositato un’interrogazione in cui chiedono al sindaco anche in qualità di rappresentante legale dell’Ente che ha bandito la gara, se sia stato valutato, in presenza di violazione del bando di gara che aveva scadenza perentoria il 19 febbraio, l’annullamento del bando e l’incameramento della cauzione di 183.000 euro.


Alla Ariet rispondono che a fine febbraio avevano manifestato l’intenzione di acquistare e che avevano chiesto uno spostamento del termine per la stipula del rogito notarile adducendo motivazioni di ordine finanziario per ostacoli di carattere bancario.

Nessun problema a quanto pare, invece, per la vendita dell’Asmt che scade giovedì 14 marzo, termine ultimo entro il quale l’acquirente, cioè l’Asm di Voghera deve versare i circa 9 milioni di euro per acquistare l’azienda e formalizzare nero su bianco, il tutto. La conferma arriva direttamente dal presidente dell’Asm, Filippo Musti: “l’atto notarile di compra vendita – dice – verrà stipulato nei termini previsti dal bando, così pure il versamento di quanto previsto. La data è già stata fissata e non ci sono problemi di sorta.”

 8 marzo 2013