“Il TAV è una roba assurda, ridicola. I pretoriani del TAV sono le cooperative rosse, Bersani, Fassino, ecc.” così ha detto Marco Travaglio nella puntata di “Servizio Pubblico” andata in onda giovedì scorso.

Il TAV non è solo la Torino-Lione, ma anche il Terzo Valico Milano-Genova: rispetto a quest’ultimo, il sostegno a quest’opera “assurda e ridicola”, almeno a Tortona, è anche merito dell’attuale amministrazione di centro destra, tanto per chiarire che, a parte i grillini e la sinistra radicale, sembrano essere tutti d’accordo.

La cosa più sconvolgente è che Tortona, nella partita Terzo Valico, si è offerta per fare da spazzatura: il tragitto neanche passerà per la città, ma ben vengano le “discariche” di amianto!

Una di queste pare essere la cava Montemerla che si trova vicinissima al centro commerciale “Oasi”, più o meno al di là della strada.

L’altro giorno una persona (e non è l’unica) ci ha chiesto se era vero.

Della serie: ma i cittadini, lo sanno che il nostro territorio sarà riempito di materiale cancerogeno e di camion?

C’è anche da chiedersi se lo sappiano e se siano d’accordo gli amministratori e i gestori del centro commerciale Oasi perché noi crediamo, sinceramente, che non sia salutare frequentare luoghi, addirittura mangiare, vicino a una cava contenente amianto.

Qualcuno, però, deve saperlo, visto che il Movimento 5 Stelle (contrario al TAV) a Tortona ha preso il 25% dei consensi; qualcuno sicuramente lo sa, visto che nei comuni interessati dal Terzo Valico la percentuale è ancora più alta.

Di certo manca a Tortona una mobilitazione di massa come quella che qualche anno fa impedì, più o meno nella stessa zona, l’insediamento di un impianto per il trattamento di rifiuti tossici.

In attesa che la gente si muova, a parte chi lo fa da sempre come il Movimento NoTav, sarebbe a nostro avviso il caso che il PD, che in questo periodo ci sembra in fermento, e l’amministrazione comunale facessero un’azione indispensabile per la salute dei cittadini: sull’esempio di altri comuni come Arquata, facciano un passo indietro e dicano finalmente e definitivamente NO al TAV/Terzo Valico e alla realizzazione di cave nel nostro territorio.

Altrimenti non si lamentino se già da oggi qualcuno dirà: “Ci vediamo in consiglio comunale, sarà un piacere!”

Associazione Progetto Ambiente

 10 marzo 2013