Al 31 dicembre 2012 erano 12.162 sulle 46.027 totali, pari quindi al 26,4% delle imprese provinciali, con una variazione rispetto al 2011 del -0,76%.

Nonostante il lieve calo, dovuto alla riduzione del numero totale di imprese registrate a partire dagli inizi della crisi, la quota delle imprese femminili sul totale delle imprese resta invariata. Il dato provinciale, inoltre, è superiore a quello regionale (dove le imprese femminili sono il 24,1% del totale) e a quello nazionale (23,5% del totale, pari a 1.434.743 imprese femminili in Italia).


“Un’impresa su quattro è donna, in provincia di Alessandria e in Italia. Questo è un dato che conforta, il se-gnale che, nonostante la crisi, l’energia delle donne è sempre alta nel fare impresa e nel contribuire a dare nuova linfa al tessuto economico del Paese – ha detto il Presidente della Camera di Commercio di Alessandria, Piero Martinotti – la Camera di Commercio è impegnata da anni nella direzione di valorizzare la centralità dell’apporto femminile all’impresa, con il Comitato dell’imprenditoria femminile e con gli annuali premi agli imprenditori, che vedono le donne spesso in primo piano.“Mi auguro che questa sia la direzione del futuro, perché le donne sono tenaci e creative, e la tenacia e la creatività sono due elementi fondamentali per costruire l’impresa del futuro”.

Nel quarto trimestre del 2012 si sono iscritte alla Camera di Commercio di Alessandria 163 nuove imprese femminili, segnando un +1,9% sulle iscrizioni nel terzo trimestre 2012 e un +6,5% sul quarto trimestre 2011 (percentuale, quest’ultima, superiore a quella nazionale, pari al 5,6%).

Le 163 nuove imprese del quarto trimestre 2012 appartengono principalmente ai settori del commercio (57), turismo (28 imprese, con un +47,4% rispetto al quarto trimestre 2011) e servizi alle imprese (17).

 14 marzo 2013