Dopo aver scritto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al sindaco di Napoli De Magistris, la nota animalista Paola Re ha scritto al sindaco e alla Giunta di Venezia protestando per il manifesto del Carnevale.

Pubblichiamo di seguito la lettera integrale

********

manifestoMi è giunta notizia della protesta degli animalisti veneziani relativa al manifesto del Carnevale di Venezia 2013: ne ho capito le ragioni dopo aver visto lo stesso manifesto sul sito del Comune di Venezia.

Mi chiedo con che spirito si possa celebrare un Carnevale ricorrendo a un’immagine come quella usata da voi.

Poiché sono profondamente ignorante riguardo le tradizioni carnevalesche, a qualsiasi città appartengano, ho pensato vi fossero ragioni storiche o folcloristiche che possano avervi indotto a scegliere un rinoceronte con un domatore che mostra come trofeo il corno tagliato o estirpato al povero animale privato così di una parte del suo corpo.

Per questo vi chiedo gentilmente se potete rispondermi, spiegandomene le ragioni o se potete darmi qualche riferimento bibliografico o sitografico che possa colmare le mie lacune.

Ammesso che queste ragioni ci siano, vi chiedo di riflettere sul fatto che qualsiasi ragione storica, folcloristica, di costume, di tradizione, non può prescindere dal rispetto dei diritti di un animale. Non può essere divertente mostrare una scena simile, seppur mascherata da disegni che ricordano i cartoni animati.

Spero che facciate tesoro di questo consiglio per gli anni a venire.

Se non vi reca troppo disturbo, vorrei sapere anche il nome dell’ideatore del manifesto: mi interessa veramente perché vorrei conoscere altri suoi lavori, giusto per sapere se questo manifesto rientra nel suo stile o se invece è un triste eccezionale omaggio al vostro Carnevale.

Esprimo la mia solidarietà ai Veneziani che difendono gli animali e amano Venezia rappresentata loro malgrado da un’immagine così inopportuna.

Esprimo la mia solidarietà ai rinoceronti di tutto il mondo che non possono protestare ma per fortuna c’è chi lo fa per loro.

Distinti saluti.

Paola Re – Tortona

 3 febbraio 2013