La febbre del gioco colpisce ancora e stavolta a finire nei guari è un camionista di 41 anni residente in paese che perde lo stipendio giocandolo alle Slot machines e per paura della moglie simula una rapina. L’inganno però è stato smascherato dai carabinieri di Tortona che denunciano l’uomo per simulazione di reato.

Tutto ha preso il via lunedì scorso quando il camionista si è recato presso la caserma dei carabinieri raccontando di essere stato vittima di una rapina messa in atto da due individui che lo avrebbero affiancato mentre si trovava alla guida del camion lungo la statale per Voghera e costretto a fermarsi in un piazzale alla regione Capitania. Qui i due banditi lo avrebbero aggredito e picchiato rubandogli il denaro, una ricetrasmittente CB e un televisore portatile.


Per rendere più credibile la rapina il camionista si è anche ferito e si è fatto trasportare in ospedale a cura del 118 dove è stato riscontrato affetto da trauma cranico e contusioni multiple”.

Le indagini avviate dai Carabinieri però hanno permesso di stabilire che l’episodio non era mai accaduto e che lo stesso aveva denunciato falsamente la rapina, simulando le lesioni, al solo scopo di giustificare con i propri familiari la perdita di una somma di denaro che aveva avuto giocando con le slot machines.

Ad avvalorare la falsa rapina il fatto che presso l’abitazione del camionista i carabinieri hanno trovato sia l’apparato CB che il televisore.

 7 febbraio 2013