La sezione cinofila della Polizia Municipale con i cani antidroga Fox e Nitro inaugurata il 15 maggio scorso rischia già di essere smantellata. La notizia è emersa durante un incontro tra il Comune di Alessandria e le organizzazioni sindacali che si è svolto ieri. Un tavolo tecnico con l’Amministrazione comunale per i servizi prestati dalla Polizia Locale di Alessandria nelle festività infrasettimanali.

Uno dei due cani antidroga in forza ai Vigili urbani

Uno dei due cani antidroga in forza ai Vigili urbani

Il Comune si è impegnato a pagare, in due tranche con le buste di Gennaio e Febbraio, gli straordinari e indennità arretrate del 2012 a tutti i dipendenti comunali (vigili inclusi).


Per le altre giornate festive infrasettimanali c’è l’impegno personale del Sindaco a trovare una soluzione, comunque entro la prima festività in pagamento ad Aprile.

“Restano però aperte numerose problematiche relative al settore – dice Fabrizio Sala della Cisl – nonostante alcune rassicurazioni, sono state formulate ipotesi che pongono a rischio i lavoratori della Polizia Locale e pregiudicano l’efficacia del servizio erogato ai cittadini. Ad esempio l’ potesi di togliere l’arma, che non comporterebbe risparmio alcuno sull’indennità, che viene erogata comunque, in quanto non strettamente collegata col porto dell’arma. Tra l’altro non potrebbe essere più svolto il servizio serale notturno perché la legge prevede l’armamento. Per noi non ha senso.”

Per il sindacalista non hanno senso anche alcune altre proposte che circolano nell’ambiente: “Una – conclude Sala – sarebbe di privarsi dei cani a suo tempo addestrati ed acquistati. Non ha senso. Soldi già investiti .. spesi e buttati.

Tra l’altro cosa altrettanto importante e che riguarda nello specifico la salute dei lavoratori è saltata la visita annuale presso il medico competente per l’esame del sangue al fine di accertare l’eventuale rischio biologico. Ipotesi irragionevoli e contro ogni buon senso … tanto vale smantellare il corpo.”

16 gennaio 2013