Una giornata piena di disagi quella di giovedì per i pendolari acquesi: il treno regionale. 10272 è stato soppresso e sostituito da 2 bus e il treno 4618 con un ritardo di 27 minuti.

“Attendiamo ancora una risposta – dice Sheila Sonia Gavazza Segretaria Associazione Pendolari dell’Acquese – del perchè mercoledì il treno 4627 è stato soppresso. Eravamo circa un centinaio di persone sul decimo binario della stazione di Alessandria ma nessuno si è premurato di fare annunci vocali o attivare il tabellone su binario. Avvertiti da un pendolare abbiamo scoperto che il treno era soppresso alle 13.30 circa, a quel punto l’unico mezzo per raggiungere Acqui Terme era il bus di linea dell’Arfea delle 1335, ma purtroppo una ventina di persone (prevalentemente studenti minorenni) non sono riusciti a salire in quanto avevamo raggiunto il numero massimo di capienza del bus. ma perchè non è stato fatto l’annuncio vocale nel quale si comunicava che il treno era cancellato? Come mai non si è provveduto ad attivare un servizio di bus sostitutivo? In stazione c’erano alcune persone che dovevano proseguire per la Valle Bormida e Savona, anche a queste persone nessuno ha dato risposte concrete su come raggiungere casa.”


 24 gennaio 2013