Franco Mutti

Sabato 24 novembre alla SMS La Fraterna di Viguzzolo dalle 21 si terrà un concerto per ricordare Franco Mutti ed aiutare Massimiliano Ferrauto, il giovane tortonese in coma da 20 anni, che Franco aveva sempre aiutato.

Franco Mutti per 40 anni è stato lo strenue difensore degli ultimi e dei diversi: dei disabili, dei poveri, dei diseredati, dei carcerati, degli anziani, dei malati, di chi aveva bisogno. Aveva portato avanti ogni tipo di battaglia con onestà e coraggio senza timore di niente e di nessuno. Uno dei suoi impegni più grandi è stato quello nei confronti di Massimiliano Ferrauto, il giovane in coma dopo un incidente stradale per il quale nutriva un affetto particolare ed aveva fatto in modo che attorno a lui si radunassero tanti amici.


Chi non ricorda tra le tante campagne di Franco per Massimiliano l’originale idea di raccogliere cartoline coinvolgendo Rai 3 con Alle Falde del Kilimangiaro che tramite il suo pubblico sposò con grande affetto la causa inviando 225.000 cartoline da tutto il mondo per Massimiliano, raggi di sole e di speranza per mamma Francesca che spera sempre di poter risentire la voce di suo figlio la cui ultima parola risale alle 19:30 del 20 marzo 1992.

Massimiliano, infatti, è in coma apallico da 20 anni a seguito di un incidente stradale ed è assistito in casa da mamma Francesca, 24 ore su 24. Per curare Massimiliano a casa servono 30.000 Euro all’anno. La mamma può contare sulla pensione di Massimiliano, €8.500, su un aiuto della Fondazione CrT di €7.000, e sull’ assistenza domiciliare di 3 ore al giorno da parte del Comune, che le permette di risparmiare €8.000. La parte restante viene dalla solidarietà degli amici che grazie a Franco gli sono sempre rimasti vicino.

Tutti sono i benvenuti alla serata del 24. L’ingresso è ad offerta. Per chi volesse partecipare visitare www.massimilianovive.it o la pagina “Massimiliano Vive” su Facebook.

 23 novembre 2012