Dopo il danno, anche la beffa. Amara sorpresa martedì mattina, per i tortonesi che si sono recati all’ufficio postale in via Ugone Visconti per pagare le bollette della TIA con scadenza 20 novembre, e hanno invece trovato la porta di accesso sbarrata. Un laconico cartello informava infatti che l’ufficio postale sarebbe rimasto chiuso per due giorni, il 20 e 21 novembre, per lavori di ristrutturazione.

Sono decine le persone che si fermano all’ingresso, leggono il comunicato e si allontanano borbottando; anziani, commercianti del quartiere, trovano chiuso e si arrabbiano per l’ulteriore impiccio che si trovano davanti, dopo le bollette arrivate a ridosso della data di scadenza.

Non sanno che il termine di pagamento è stato prorogato al 27 novembre, l’ufficialità è venuta ieri pomeriggio dal Comune, e le bollette erano arrivate solamente venerdì mattina.

Non c’è nemmeno un cartello, esposto accanto al comunicato di Poste Italiane, per avvisarli di questa proroga, per risparmiare loro l’ulteriore disagio del tragitto fino a Piazza Roma, all’altro ufficio postale, o addirittura a Viguzzolo.

E’ evidente che alle Poste non sapevano della proroga, così come non potevano immaginare dei disguidi delle bollette: “I lavori – dicono all’Ufficio Regionale delle Poste – sono stati programmati da tempo, cambiare non era più possibile.”

 Annamaria Agosti

20 novembre 2012